Questo sito contribuisce alla audience de

Sopralluogo FIS anche in Val di Fiemme: si lavora al gran finale del prossimo Tour de Ski

Foto di Redazione
Info foto

Newspower.it

Sci Nordicotour de ski 2021

Sopralluogo FIS anche in Val di Fiemme: si lavora al gran finale del prossimo Tour de Ski

Dopo Dobbiaco, i vertici della Federazione Internazionale nei siti che ospiteranno il grande evento (8-10 gennaio 2021), da Lago di Tesero all'Alpe del Cermis.

Dopo il sopralluogo effettuato a Dobbiaco, tutti in Val di Fiemme per lavorare alla tre giorni conclusiva del Tour de Ski 2021, nella culla della rassegna centrale della stagione, visto che il territorio trentino è stato l'unico ad aver ospitato tutte e 14 le edizioni precedenti con le tappe finali.

E sarà così anche nel 2021, con le tre giornate previste dall'8 al 10 gennaio con la mass start in classico di 10 e 15 km il venerdì, la sprint in tecnica classica il sabato e la Final Climb verso l'Alpe del Cermis domenica. Quest'ultima sarà nuovamente con partenza mass start, dopo la novità del 2020; nelle scorse ore, i dirigenti della FIS, di Infront e del comitato organizzatore fiemmese, con la FISI rappresentata dal direttore tecnico del fondo Marco Selle, si sono riuniti nel tradizionale meeting pre evento.

A fare gli onori di casa il direttore generale di Fiemme Ski World Cup, Cristina Bellante, il direttore di gara Enzo Macor, la responsabile marketing Marica Defrancesco e la coordinatrice dell'area TV Silvia Vaia. Al Centro Fondo di Lago di Tesero, la delegazione FIS era guidata invece da Sandra Spitz, cross-country event coordinator, e dai responsabili di FIS Marketing, di Swiss Timing e di Infront per la produzione televisiva. Le immagini delle gare fiemmesi da sempre registrano audience da record, raggiungendo nell'ultima edizione la quota totale di 198 milioni.

Valutando i dati dei telespettatori della sola diretta, le tappe della Val di Fiemme sono state le più viste (33 mln), con la sprint del sabato a centrare la palma di miglior diretta del fondo con 9 milioni di telespettatori. Nella riunione sono stati esaminati tutti gli eventuali problemi da affrontare considerando le norme di contenimento della diffusione del Coronavirus. C'è un piano A che prevede l'organizzazione degli eventi come in passato, senza nessuna restrizione, poi c'è un piano B che comunque sarà preso in considerazione e affinato a settembre, in attesa di valutare lo sviluppo della pandemia.

Il problema più importante eventualmente sarà quello del distanziamento sociale, tutto dipenderà ovviamente dalle norme che saranno emanate dal governo centrale e provinciale. Intanto ci sono gli orari di massima: venerdì 8 gennaio alle ore 13.15 la Mass Start maschile TC, alle ore 15.35 la Mass Start femminile TC, sabato la gara sprint prevede alle ore 10.35 le qualifiche e alle 13.05 le finali, quindi domenica 10 gennaio alle ore 12.45 Final Climb femminile e alle 15.35 la Final Climb maschile. “L'esperienza organizzativa della Val di Fiemme - ha ribadito Sandra Spitz - lascia la FIS tranquilla, col work in progress sarà possibile adattare regole, format e tipologie di gare alle esigenze del momento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
22
Consensi sui social