Martedì 20 Agosto, 22:17
Utenti online: 790
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

foto di Fisi Pentaphoto

Stefano Gross: "Ora arrivano le mie piste preferite"

Stefano Gross: 'Ora arrivano le mie piste preferite'

Tratte da fisi.org le dichiarazioni di Stefano Gross, Riccardo Tonetti e Giuliano Razzoli al termine dello slalom maschile di Coppa del Mondo di Zagabria.

Stefano Gross: "Sto riacquistando fiducia dopo quello che mi è successo, mi manca ancora un po' in gara quella che serve per sciare forte. Ma ora abbiamo altri appuntamenti con piste che mi si addicono di più. Il problema al ginocchio? C'è sempre un fastidio in mente che non ti fa andare a tutta come vorresti, ma sto lavorando anche sul piano atletico per tornare al 100%, speriamo di far vedere qualcosa di buono a gennaio".

Riccardo Tonetti: "Sono molto soddisfatto, ero al primo slalom della stagione e ci tenevo a far bene. Ho fatto una bella prima manche, la seconda secondo me neanche così male, queste due manche abbastanza solide mi danno sicurezza perché in passato sbagliavo spesso in questa disciplina. Sono partito bene quest'anno, poi ho fatto qualche errore in gigante, bisogna lavorare di più sulla continuità, ma intanto porto a casa questo primo risultato del nuovo anno. Sabato farò il gigante ad Adelboden, sperando di fare i risultati delle prime gare, poi mi auguro di avere la possibilità di misurarmi di nuovo in slalom domenica".

Giuliano Razzoli: "Ho commesso un grosso errore appena prima del primo intertempo nella prima manche, poi mi sono ripreso e sono riuscito a centrare l’obiettivo di entrare nella seconda manche. Qualche punto l'ho portato a casa, ma c'è un po' di rammarico, perché nella seconda manche dopo l'errore ho perso tanto. Peccato perché si poteva entrare nei primi 15 e sarebbe stato meglio. Spero di partire nei 30 nella prossima gara e sarebbe già un altro step. L'errore? Mi sono proprio sdraiato all'ingresso del piano: gli errori si fanno, colpa mia, cercherò di fare meglio la prossima volta”.

Twitter: @aquila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA