Giovedì 20 Giugno, 23:36
Utenti online: 401
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

Kjetil Jansrud oro e Aksel Lund Svindal argento nella discesa dei Mondiali di Are

Kjetil Jansrud oro e Aksel Lund Svindal argento nella discesa dei Mondiali di Are

Strepitosa doppietta della Norvegia, la prima in una discesa mondiale, con Kjetil Jansrud che a Are, sotto una fitta nevicata e con scarsa visibilità tanto che la partenza è stata abbassata a quella del superG e rinviata di un’ora, ha preceduto di soli 2 centesimi il suo capitano che si ritira, Aksel lund Svindal.

Qui il risultato completo e l'analisi della gara!

Per Jansrud è il primo oro mondiale mentre per Svindal è una straordinaria chiusura di carriera con un argento che va a rimpinguare ulteriormente il suo incredibile palmares di cui dopo parleremo celebrando la sua carriera. I due erano arrivati primo e secondo anche ai Giochi di PyeongChang 2018 ma con Svindal davanti a Jansrud. Bronzo a 33 centesimi per l’austriaco Vincent Kriechmayr, già argento nel superG. Quarto lo svizzero Beat Feuz, quinto l’altro austriaco Matthias Mayer. Sesto Dominik Paris che oggi nulla ha potuto per arrivare in zona medaglia ma l’oro nel superG non glielo può togliere nessuno.

Settimo il canadese Benjamin Thomsen, ottavo il norvegese Aleksander Aamodt Kilde, noni ex-aequo lo statunitense Bryce Bennett e lo svizzero Mauro Caviezel. Gli altri azzurri: undicesimo Christof Innerhofer, tredicesimo Matteo Marsaglia, diciassettesimo Mattia Casse. Due parole su Hannes Reichelt: l’austriaco non ha gradito il numero 1 che gli era toccato e di proposito non si è presentato al sorteggio dei pettorali partendo così per 45°, con visibilità nettamente migliore rispetto a quella che hanno trovato i migliori ma poi è finito in una buca della pista ormai rovinata e ha chiuso ventinovesimo. Lasciamo a voi il giudizio se abbia fatto bene o male a partire così tardi, certamente ha creato un precedente di non accettazione del regolamento per interessi personali che potrebbe essere seguito da altri.

Twitter: @aquila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA