Domenica 24 Marzo, 9:45
Utenti online: 839
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

foto di Getty Images

Un'irreale Mikaela Shiffrin annichilisce le avversarie con un distacco record nello slalom di Aspen

Un'irreale Mikaela Shiffrin annichilisce le avversarie con un distacco record nello slalom di Aspen

L’uscita di scena a due porte dalla fine del gigante di ieri non era proprio andata giù a una ragazza che da tre anni sa quasi solo vincere. Oggi nello slalom femminile di Coppa del Mondo di Aspen Mikaela Shiffrin lo ha fatto capire a tutti con una prestazione impressionante, mostruosa, mai vista prima, così come non si era mai vista prima un’atleta così tra le porte strette.

Qui il risultato completo e l'analisi della gara e le classifiche di Coppa del Mondo!

Mikaela risulta nativa del Colorado ma più volte è sembrata provenire da un altro pianeta, oggi più che mai. A 20 anni e 8 mesi è arrivata a quota 16 successi in Coppa del Mondo, 15 in slalom, specialità nella quale ha vinto uno in fila all’altro due ori mondiali e uno olimpico e nella cui classifica delle plurivittoriose in Coppa è già sesta affiancando la francese Perrine Pelen. In tempi ormai lontani alcune atlete hanno cominciato a vincere in slalom anche più giovani di lei, il problema è che arrivavano alla sua età non più in grado di ripetersi perché fisicamente distrutte.

E a quei tempi ormai lontani apparteneva il distacco più ampio tra la prima e la seconda classificata in uno slalom femminile di Coppa del Mondo: 3 secondi tondi tondi rifilati dalla francese Florence Steurer alla connazionale Annie Famose nello slalom dell’Abetone del 1968.  Oggi Mikaela, oltre a sfatare il tabù del podio ad Aspen, ha migliorato questo record rifilando il siderale distacco di 3”07 alla slovacca Veronika Zuzulová dopo che a metà gara la precedeva già di 1”38 ma ha realizzato l’impresa di accrescere il distacco di più del doppio. Davvero incredibile.

Cosa dire sulle altre davanti a un simile mostro di bravura? La seconda, la terza e la quarta della prima manche sono arrivate al traguardo nello stesso identico ordine, ossia con Zuzulová seconda come detto a 3”07, con Frida Hansdotter terza a 3”26 e con Šárka Záhrobská Strachová quarta a 3”88. Risorge nella specialità che attualmente predilige la svedese Maria Pietilä Holmner, quinta anche se con più di 5 secondi di distacco, sesta la francese Nastasia Noens, settima la svizzera Wendy Holdener, ottava la canadese Marie-Michèle Gagnon, nona la svedese Sara Hector e decima l’altra canadese Erin Mielzynski.

Mikaela balza anche in testa alla Coppa del Mondo scavalcando di 20 punti Federica Brignone che oggi, pur classificatasi ventottesima, non prende punti perché prende, anche a causa di un grosso errore, ha accusato un distacco superiore all'8% del tempo di Shiffrin, ma il bello è che non prendono punti nemmeno l’austriaca Katharina Gallhuber, ventiseiesima, e la canadese Laurence Saint-Germain, ventisettesima, per lo stesso motivo. Altre due azzurre sono arrivate al traguardo: Chiara Costazza ha confermato la sedicesima posizione della prima manche mentre Irene Curtoni stavolta non ha mai trovato il ritmo ed è precipitata dall’ottavo al diciottesimo posto. Domani lo slalom bis: quale altra pagina di storia ci regalerà Mikaela Shiffrin?

Twitter: @aquila1968

ę RIPRODUZIONE RISERVATA