Domenica 18 Agosto, 12:47
Utenti online: 754
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

foto di Getty Images

Trionfo di Sofia Goggia nella discesa di Crans-Montana!

Trionfo di Sofia goggia nella discesa di Crans-Montana!

Con una discesa assolutamente straordinaria, una delle migliori della sua carriera, Sofia Goggia ha vinto nettamente la discesa femminile di Coppa del Mondo di Crans-Montana.

Qui il risultato completo e l'analisi della gara e le classifiche di Coppa del Mondo!

Sempre velocissima e sempre al limite su tutto il difficile percorso come nelle prove malgrado una neve assolutamente primaverile la fuoriclasse bergamasca campionessa olimpica in carica della specialità si porta a casa la sua sesta vittoria in Coppa del Mondo, la quarta in discesa e la prima stagionale, con 36 centesimi di vantaggio sulla svizzera Joana Haehlen, seconda e al primo podio della carriera, e 45 sulla svizzera Lara Gut, al secondo podio stagionale e al primo in discesa, due ragazze della Confederazione non erano insieme sul podio inella stessa discesa di Coppa del Mondo da oltre tre anni. Quarta a 52 centesimi l’austriaca Nicole Schmidhofer che incrementa il suo vantaggio nella classifica di specialità, quinta la svizzera Corinne Suter che, reduce da due medaglie mondiali, sul podio in Coppa del Mondo non riesce proprio a salirci, sesta l’austriaca Stephanie Venier, settima la quarta svizzera, Jasmine Flury, ottava Federica Brignone, al suo secondo miglior risultato in discesa dopo il secondo posto di Bad Kleinkirchhheim dell’anno scorso, la valdostana diventa in automatico la favorita della combinata di domani,da lei già vinta negli ultimi due anni, nona un’altra azzurra, Nadia Fanchini, decima la francese Romane Miradoli, undicesima la norvegese Ragnhild Mowinckel.

Seguono, tra le altre, quattordicesima la tedesca Kira Weidle, sedicesima la liechtensteiniana Tina Weirather, diciassettesima l’austriaca Tamara Tippler, ventitreesima la sua connazionale Ramona Siebenhofer, trentaduesima la cofavorita della combinata, la svizzera Wendy Holdener. Gara interrotta molte volte, prima per la paurosa caduta della prima a partire, la slovena Ilka Stuhec, che è atterrata male da un salto finendo poi nelle reti, per fortuna apparentemente senza conseguenze, ma poi, guarda caso sempre con le svizzere, perché la fotocellula d’arrivo non fermava il tempo di chi arrivava e gli appassionati hanno addirittura fischiato, cosa che ben raramente si sente in una gara di sci. E comunque, nella revisione finale dell’ordine d’arrivo, sempre guarda caso, tutte le beniamine di casa hanno visto migliorarsi il proprio tempo rispetto alla prima versione. Poi c’è stata una nuova interruzione per l’infortunio a Tiffany Gauthier, fermatasi da sola con una fitta alla gamba sinistra e poi accucciatasi dolorante nelle reti. Le altre azzurre: tredicesima Nicol Delago, ventesima Marta Bassino, anche lei al secondo miglior risultato in discesa dopo il terzo posto di Bad Kleinkirchheim, venticinquesima Elena Curtoni, trentacinquesima Nadia Delago, fuori Francesca Marsaglia.

Twitter: @aquila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA