Domenica 24 Marzo, 10:54
Utenti online: 838
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

foto di Fisi official

Lindsey Vonn sbaglia e viene battuta da Sofia Goggia che trionfa nella prima discesa di Cortina d'Ampezzo!

Lindsey Vonn sbaglia e viene battuta da Sofia Goggia che trionfa nella prima discesa di Cortina d'Ampezzo!

Sofia Goggia, la Guerriera dello sci azzurro, ha dimostrato una volta di più di esserlo trionfando nella discesa femminile di Coppa del Mondo di Cortina d’Ampezzo.

Qui il risultato completo e l'analisi della gara e le classifiche di Coppa del Mondo!

Dopo aver preso le misure alla pista nella parte alta, da quella centrale piena di curvoni la 25enne bergamasca si è scatenata: nessuna ha fatto meglio ed è stata coraggiosa come lei da lì in giù e anche Lindsey Vonn ha dovuto arrendersi a causa di una spigolata sullo Scarpadon che l’ha mandata quasi in testacoda, al traguardo la statunitense ha accusato un distacco di 47 centesimi ed era arrabbiatissima perché consapevole di avere buttato alle ortiche la 79a vittoria in Coppa del Mondo per colpa di quell’errore.

Per Sofia è invece la quarta vittoria in Coppa del Mondo, la terza in discesa, la seconda stagionale, la seconda consecutiva in discesa: solo un’azzurra aveva vinto due discese di fila e cioè Isolde Kostner a Lake Louise e a St. Moritz nel 1999. E’ la settima vittoria dell’Italia femminile in discesa sull’Olympia delle Tofane dopo le quattro di Kostner (1996, 1997, 1998, 2001) e quelle di Daniela Merighetti (2012) ed Elena Fanchini (2015) alla quale mandiamo un abbraccio, ed è la ventesima totale in discesa. Le azzurre non vincevano tre gare di fila dal 2007-2008 con Denise Karbon in gigante a Lienz e a Spindleruv Mlyn e Chiara Costazza in slalom a Lienz.

Ma soprattutto Sofia balza al comando della classifica di specialità con 49 punti su Mikaela Shiffrin, la statunitense ha conquistato una straordinaria terza posizione, terzo podio su tre discese stagionali da lei disputate, a 84 centesimi da Sofia che ora è seconda nella classifica generale ma a distanza siderale dal fenomeno del Colorado. Per la prima volta Vonn e Shiffrin, l'attuale plurivittoriosa e la probabile prossima plurivittoriosa della Coppa del Mondo femminile, sono salite insieme sullo stesso podio del Circo Rosa a fare da damigelle a sette stelle a Sofia, oltretutto Mikaela non aveva mai fatto una discesa sull'Olympia delle Tofane ma solo il superG dell'anno scorso nel quale era finita quarta.

Quarto posto a soli 9 centesimi dal podio per la vincitrice dell’anno scorso, la svizzera Lara Gut, quinta l’austriaca Nicole Schmidhofer, sesta la norvegese Ragnhild Mowinckel al suo miglior risultato in discesa, settima la statunitense Jacqueline Wiles, ottava l’austriaca Stephanie Venier, nona la brava tedesca Kira Weidle. Bellissimo l’addio di Julia Mancuso che contrariamente a quanto annunciato è scesa col casco e non con la tiara, con una tuta da Wonder Woman, o da Super Jules, e ha fatto gara quasi vera salutando tutti gli allenatori lungo il percorso e venendo abbracciata al traguardo dalle colleghe e dal pubblico che scandiva “Julia, Julia!”. Decima la seconda azzurra, Hanna Schnarf, finalmente tra le top ten anche in discesa in questa stagione, la svizzera Michelle Gisin e Federica Brignone sono finite fuori in un passaggio difficile nelle prime porte e dopo queste due uscite (avevano il 3 e il 4) le altre atlete sono state avvertite della difficoltà e non hanno avuto alcun problema.

Così le altre big: tredicesima e sedicesima le austriache Anna Veith e Cornelia Hütter, diciannovesima Tina Weirather scesa dal primo al quarto posto nella graduatoria di specialità. Le altre azzurre: quattordicesima Verena Stuffer, diciassettesima Nadia Fanchini, venticinquesima Nicol Delago, trentacinquesima la rientrante Laura Pirovano che in realtà oggi ha disputato la sua prima discesa, specialità in cui ha il posto fisso, trentasettesima Federica Sosio, fuori anche Anna Hofer. Domani discesa bis, quella originariamente in calendario.

Twitter: @aquila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA