Mercoledì 22 Maggio, 12:37
Utenti online: 442
Alessandro Genuzio
Alessandro Genuzio

foto di Bob Club Cortina

Fabrizio Caselli è quinto a Sankt Moritz nell'ultimo round della Coppa del Mondo di Parabob

Fabrizio Caselli è quinto a Sankt Moritz nell'ultimo round della Coppa del Mondo di Parabob

Arrivano grosse soddisfazioni dalla pista di Sankt Moritz per il mondo del bob paralimpico italiano. Sulla celebre Olympia Bobrun Fabrizio Caselli ha colto un eccezionale quinto posto in gara 1, mentre in gara 2 l'azzurro si è piazzato in nona posizione cogliendo l'ottavo posto nella classifica riservata ai campionati europei.

Il cinquantunenne pilota del Bob Club Cortina fin dagli allenamenti ha trovato un gran feeling col budello del Canton Grigioni disputando due gare davvero maiuscole. Caselli in particolare nella seconda manche della prima competizione ha stampato uno splendido quarto tempo parziale, che gli ha consentito di guadagnare due piazzamenti nella classifica finale portandosi a soli 20 centesimi dal podio

Un risultato decisamente inaspettato ma che è stato in parte riconfermato pure nella seconda prova. In gara 2, il mugellano che vanta diversi titoli italiani nel paracanottaggio, è giunto in nona posizione chiudendo così la sua prima stagione nella Coppa del Mondo di bob paralimpico con due lusingheri piazzamenti nella top-ten.

In Svizzera, oltre a Caselli, il Bob Club Cortina ha portato in gara anche l'ampezzano Flavio Menardi ed il pugliese Pier Alberto Buccoliero. Quest'ultimo dopo le buone prestazioni evidenziate ad Oberhof non è riuscito a ripetersi giungendo in sedicesima e quindicesima posizione rispettivamente in gara 1 ed in gara 2. Menardi invece ha sfiorato la top-ten nella seconda prova chiusa al dodicesimo posto, mentre nella prima competizione si è piazzato in diciassettesima posizione.

C'è comunque grande soddisfazione nello staff di accompagnatori del Bob Club Cortina e della Onlus The Game never ends di Orlando Maruggi che assieme alla Fisip ha curato anche questa trasferta. Il team azzurro seguito dai tecnici Maruggi, Di Stefano e Ottaviani nonostante un budget limitato ha decisamente imbroccato la via giusta per il successo, in una disciplina che sta via via crescendo in quanto a numero di partecipanti. A Sankt Mortiz infatti, si sono presentati al via ben 21 atleti in rappresentanza di 12 nazioni diverse, numeri di gran lunga superiori alle competizioni di Coppa del Mondo di bob femminile che dovrebbero spingere il Comitato Olimpico Internazionale a inserire questo sport nel programma olimpico già nell'edizione di Pechino 2022.

Archiavata la Coppa del Mondo col successo del canadese Lonnie Bissonnette uno dei pochi atleti del circuito che ha potuto prendere parte all'intero calendario di gare, ora il circuito del bob paralimpico si sposta nuovamente negli Stati Uniti, dove dal 25 al 31 marzo a Lake Placid si terranno i campionati del mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA