Domenica 26 Maggio, 13:52
Utenti online: 485
Alessandro Genuzio
Alessandro Genuzio

foto di Erik Di Stefano

Il Bob Club Cortina ottiene una top ten ad Oberhof nella quarta tappa della Coppa del Mondo di parabob

Il Bob Club Cortina ottiene una top ten ad Oberhof nella quarta tappa della Coppa del Mondo di parabob

Buoni risultati per il Bob Club Cortina ad Oberhof nella quarta tappa della Coppa del Mondo di bob paralimpico. Sull'impegnativo budello della Turingia i tre rappresentanti del team ampezzano Pier Alberto Buccoliero, Flavio Menardi e Fabrizio Caselli hanno ottenuto piazzamenti lusinghieri.

La trasferta organizzata dalla FISIP (Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici) e dal Bob Club Cortina in collaborazione con la ONLUS The game never ends di Orlando Maruggi, ha visto al fianco dei tre atleti gli accompagnatori: Maruggi, Di Stefano (ex skeletonista) e Ottaviani (tecnico ed ex pilota del Bob Club Cortina).

I tre bobbisti italiani hanno affrontato dapprima una tre giorni di allenamento pre-gara in cui hanno compiuto 3 discese giornaliere ciascuno e poi nel weekend sono stati protagonisti di due gare valide per il massimo circuito paralimpico di bob.

Il migliore degli italiani è stato il più esperto dei tre Pier Alberto Buccoliero, che dopo il decimo ed il quinto posto di Calgary, il sesto ed i'ottavo di Lillehammer in Turingia ha conquistato la decima e l'undicesima posizione. Buone prestazioni per i debuttanti Menardi e Caselli che hanno fatto segnare interessanti parziali dimostrando di aver buone doti di guida e ancora ampi margini di miglioramento.

Menardi si è piazzato in quindicesima posizione dopo aver concluso la prima manche di gara 1 al decimo posto , mentre nella seconda prova ha chiuso in dodicesima piazza. Caselli invece è stato quattordicesimo e tredicesimo.

C'è soddisfazione tra i tecnici e accompagnatori della squadra italiana per i risultati dei tre azzurri, "Flavio (Menardi ndr) nella prima discesa della prima gara ha ottenuto un ottimo 10° posto, il migliore degli italiani, guidando bene anche le curve più difficili e dimostrando di aver appreso appieno i consigli di Loris - ha spiegato ai nostri microfoni Erik Di Stefano che ha proseguito - forse preso dall'emozione dell'esordio in Coppa del mondo Flavio non è riuscito a ripetersi nella seconda discesa, concludendo poi al 15° posto. Meglio invece il secondo giorno concluso in 12a posizione."

"Ci riteniamo soddisfatti, sono state discese importanti per prendere confidenza col Bob, insistendo molto sull'intensità e sulla tempistica di guida - spiega il tecnico Loris Ottaviani - Oberhof è una pista difficile, originariamente studiata per lo slittino quindi con delle linee e cucchiai leggermente diversi. Torniamo a casa con un bel bagaglio di esperienza e concentrati per l'ultima tappa di Sankt Moritz!"

Il prossimo appuntamento con la Coppa del Mondo di bob paralimpico è in programma a metà febbraio sulla pista di Sankt Moritz, ultimo atto del massimo circuto prima dei mondiali di Lake Placid.

© RIPRODUZIONE RISERVATA