Questo sito contribuisce alla audience de

Thomas Bach ha parlato con la climber iraniana senza velo

Foto di Redazione
Arrampicatail caso

Thomas Bach ha parlato con la climber iraniana senza velo

Il presidente del Cio pare abbia raggiunto telefonicamente Elnaz Rekabi, al centro di un caso che continua a far parlare.

La climber, diventata oggetto di attenzione della polizia moralista iraniana dopo aver gareggiato senza velo a Seul, ai campionati asiatici di arrampicata, come gesto di protesta nei confronti del regime degli ayatollah.

Thomas Bach ha chiesto alla 33enne medaglia di bronzo nella combinata ai Mondiali del 2021 di farsi sentire almeno una volta al mese, per informarlo se si dovessero verificare dei problemi. La stessa premura c'era stata anche per la tennista cinese Shuai Peng, della quale però da mesi non si ha più notizia.

In questo caso poi ci sarebbe un piccolo problema: Rekabi è costretta agli arresti domiciliari, pare presso un parente. Non si può allenare. E anche se le fosse stato restituito il cellulare, che le era stato sequestrato insieme al passaporto, prima del volo di rientro a Teheran, è molto probabile che ogni sua comunicazione sia tenuta sotto controllo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
28
Consensi sui social

Si parla ancora di Arrampicata

Eventi sportivi

Elnaz Rekabi, la campionessa iraniana di arrampicata agli arresti domiciliari?

Dario Puppo, Venerdì 21 Ottobre 2022
Eventi sportivi

Scomparsa la campionessa iraniana che ha arrampicato senza velo per protesta?

Dario Puppo, Martedì 18 Ottobre 2022

Ultimi in Sport invernali

Tandrevold scappa nella generale, ma brilla la 3^ coppa di Vittozzi: Era un obiettivo, ho commesso un errore di troppo...

Tandrevold scappa nella generale, ma brilla la 3^ coppa di Vittozzi: Era un obiettivo, ho commesso un errore di troppo...

La firma della norvegese sulla 15 km di Oslo-Holmenkollen pesa in chiave Coppa del Mondo assoluta, ma la sappadina è comunque ancora in corsa e si prende per la terza volta in carriera la sfera di cristallo dell'Individuale. Alle 15.45 il via della 20 km maschile: in gara per l'Italia ci saranno Giacomel (subito col n° 2), Hofer, Bionaz, Braunhofer e Zeni. Intanto, da Otepaa ecco arrivare altre due medaglie azzurre dai Mondiali giovanili con le staffette che si tingono d'argento e di bronzo.