Questo sito contribuisce alla audience de

La Start List dell'Individuale femminile dei Mondiali di Anterselva, si preannuncia una gara infinita

La Start List dell'Individuale femminile dei Mondiali di Anterselva. Si preannuncia una gara infinita, confermate le quattro az
Info foto

2020 Getty Images

BiathlonMondiali Anterselva

La Start List dell'Individuale femminile dei Mondiali di Anterselva, si preannuncia una gara infinita

Con ancora negli occhi l'impresa di Dorothea Wierer nell'Inseguimento, ad Anterselva inizia la seconda settimana dei campionati mondiali.

Domani alle 14:15 il via della 15 km femminile, forse la gara più incerta del programma al femminile, che con mille protagoniste e scelte tattiche differenti si preannuncia lunghissima e molto combattuta.

Basti pensare che tra la partenza di Hanna Oeberg (3) e di Ingrid Landmark Tandrevold (94) passeranno circa 45 minuti, un'eternità. La svedese, campionessa olimpica e mondiale in carica, è una delle principali favorite, ma non manca certamente la concorrenza.

L'Italia si presenta con due carte da podio. Wierer (57), galvanizzata e senza pensieri dopo l'oro dell'Inseguimento, può affrontare la gara senza troppe pressioni. Vittozzi (28) invece è chiamata al riscatto e può cogliere l'occasione nel format prediletto che lo scorso anno le regaló l'argento. Lo staff italiano ha confermato anche Federica Sanfilippo (30) e Michela Carrara ( 75).

Si candida a raccogliere almeno una medaglia anche la corazzata norvegese. Tiril Eckhoff (9) deve risollevarsi dopo un inizio di mondiale al di sotto delle attese e dare segnali per la corsa alla sfera di cristallo. Marte Roeiseland (18) è la più in forma delle scandinave ma la 15 km non è di certo il suo format preferito. Tandrevold prova invece a giocarsela con la tattica e parte con il pettorale 94.

Non sono da sottovalutare nemmeno le francesi Anais Bescond (22) e Justine Braisaz (54). La prima ha chiuso terza nell'ultima Individuale della stagione, la seconda ha vinto nel format a Oestersund a inizio dicembre ed è bronzo iridato in carica.

Denise Herrmann, reduce dalla vittoria di Pokljuka, deve cercare di togliere lo zero alla voce ori per il suo paese. Se la forma sugli sci non è in discussione, il poligono rimane un'incognita impossibile da decifrare. Infine non vanno dimenticate la ceca Marketa Davidova, al via con il pettorale 49 e l'ucraina Dzhima con il 76.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
223
Consensi sui social