Questo sito contribuisce alla audience de

Valle Camonica: la viticoltura di montagna è patrimonio dell'umanità

Valle Camonica: la viticoltura di montagna è patrimonio dell'umanità
Sapori di Montagna

Valle Camonica: la viticoltura di montagna è patrimonio dell'umanità

Tra incisioni rupestri e passi innevati, tra l'Oglio, i laghi e le riserve naturali, la vite trova un habitat perfetto e unico nel suo genere. Siamo in Valle Camonica, una delle valli più estese della Lombardia, dove la viticoltura di montagna è patrimonio dell'intera umanità

In Valle Camonica la viticoltura era presente già in età romanica. Con il dominio veneziano del '500 l'attività raggiunse importanti livelli di espansione ma nei secoli successivi, a causa di malattie importate da oltre oceano (come la Peronospora e la Fillossera), la viticoltura ha avuto un forte periodo di crisi.

A partire dagli anni '70, dopo l'abbandono delle campagne a favore del lavoro industriale, i pochi viticoltori rimasti attivi hanno guardato lontano, convinti di poter produrre vino di alta qualità. Il territorio della Valle Camonica, che si estende dal Passo del Tonale fino a comprendere la zona del Lago d’Iseo, ha una conformazione variegata; qui la viticoltura ha permesso di produrre vini unici nel loro genere, nonostante le grosse difficoltà che la struttura del territorio presenta.

La superficie vitata tuttora presente in Valle Camonica è di circa 140 ettari, con numerosi viticoltori attenti e impegnati nel produrre vini d'eccellenza. Ed è proprio grazie all'impegno e alla volontà dei viticoltori che è nato il Consorzio Valcamonica IGT, che si prefigge di tutelare e valorizzare i vini di qualità prodotti nella valle.

I vitigni presenti nella Valle e interessati dal disciplinare sono principalmente rossi, tra i più diffusi troviamo il Merlot e il Marzemino. Non mancano i bianchi, composti per la maggior parte da Riesling e Incrocio Manzoni. La caratteristica dei vini di montagna è la finezza, in bocca e nel naso. I vini del Consorzio IGT Valle Camonica si distinguono infatti per profumo e armonia.

Il Consorzio ha sottoscritto il Manifesto della Viticoltura di Montagna, all'interno del quale l'attività viene tutelata e caratterizzata:

La viticoltura di montagna è patrimonio dell’intera umanità.La viticoltura di montagna, risultato della conquista di un equilibrio completo tra l’uomo e la natura, fa parte integrale della coltura di alcune zone di forte pendenza.La viticoltura di montagna è di fondamentale importanza per la salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio

 

Per chi vuole scoprire la viticoltura della Valle Camonica, i vini e i paesaggi di questa bellissima valle, il Consorzio ha organizzato diversi itinerari interessanti, da fare a piedi o in bicicletta, tra le terrazze e le cantine. Potete scoprire di più sul sito: http://www.consorziovinivallecamonica.it/

© RIPRODUZIONE RISERVATA
3
Consensi sui social

Ultimi in Turismo

Profumi e sapori dell'Alta Pusteria nella cucina dello chef Markus Auer al Naturhotel Leitlhof

Profumi e sapori dell'Alta Pusteria nella cucina dello chef Markus Auer al Naturhotel Leitlhof

L’inverno porta nella cucina del Naturhotel Leitlhof tutta la bontà delle ricette semplici che nascono dalla ricerca di prodotti locali e dal rispetto della natura. Pasta fatta in casa, come le tagliatelle al cirmolo, o piatti invernali come i ravioli di barbabietola e ricotta affumicata con semi di papavero, ma anche pane di fieno di farina locale e una selezione di formaggi che racconta il lato più genuino e tradizionale dell’Alto Adige.