Lunedì 20 Novembre, 10:38
Utenti online: 1623

Pista Leonardo David Weissmatten a Gressoney Saint-Jean

Pista Leonardo David Weissmatten di Gressoney Saint-Jean

L'abitato di Gressoney Saint-Jean, separato da qualche chilometro dalle località più note del Monterosa Ski, ospita la  bellissima pista nera intitolata ad una grande promessa dello sci alpino italiano, lo sciatore di Valdostano Leonardo David, figlio di Davide, che collezionò negli anni '70 numerosi successi, l’esordio a soli diciotto anni in Coppa del Mondo, la Coppa Europa nel 1978. Un anno dopo aver conquistato la Coppa Europa e di aver dato l'impressione di poter impensierire i big dell'allora coppa del mondo, andò incontro all'incidente che gli costò la vita.

La pista Weissmatten intitolata alla sua memoria, è stata più volte nominata tra le più belle piste italiane, con due bellissimi muri, una parte dove è possibile lasciare andare gli sci, ed una parte finale illuminata anche di notte e omologata per competizioni internazionali di Gigante e Slalom. Negli ultimi anni ha ospitato gli allenamenti delle nazionali di Coppa del Mondo di Francia, Canada e Svizzera.

Ha accettato di accompagnarci alla scoperta della pista Leonardo Davide Alice Gabasio, una maestra della locale scuola di sci che ha mosso i primi passi sugli sci proprio qui a Weissmatten e che conosce come le sue tasche ogni angolo di questa pista.

Per accedere alla Pista Weismatten Leonardo David si sale con la veloce seggiovia biposto all’inizio del paese di Gressoney Saint-Jean. All'arrivo della seggiovia, a circa 2023 metri è possibile ammirare i resti della sala da te della Regina Margherita di Savoia. Fino a qualche anno fa i locali ospitavano un bar, che oggi è stato spostato in un adiacente moderno rifugio in legno, proprio di fronte all'arrivo della seggiovia.

Per accedere alla pista Leonardo David appena usciti dalla seggiovia ci si immette sul primo tratto della "pista larici" sulla sinistra e dopo circa 400 metri ci si trova di fronte a un bivio. Proseguendo diritti si percorre tutta la pista blu immersa nel bosco, tanto amata dai bambini di Weissmatten, ma girando sulla sinistra ha inizio la parte più ripida di una splendida pista rossa, oggetto delle nostra recensione.

Dopo il breve tratto iniziale abbastanza ripido, si possono lasciar correre gli sci per un tratto abbastanza lungo, godendosi un paesaggio straordinario con vista sulla valle di Gressoney e sul Monterosa.

Nella parte finale della pista, dopo essere passati sotto i cavi della seggiovia, un cartello avvisa che ci si sta approciando ad una parte più impegnativa del tracciato.  Ad attenderci ci sono infatti due muri molto ripidi dove si mette davvero alla prova l'abilità di uno sciatore.  Per chi non se la sentisse ci sono comunque a disposizione le varianti facili per tornare in paese in tranquillità.

In questa parte del tracciato, che alcuni anni fa ha ospitato anche una gara di Slalom Coppa Europa, sono stati installati i piloni per l'illuminazione notturna, è quindi periodicamente è possibile sciare anche di sera.

La pista Weisssmatten è spesso riparata dal vento e tende ad essere abbastanza affollata quando il vento costringe alla chiusura gli impianti ad alta quota della vicina Gressoney La Trinité.

 

La storia di Leonardo David in questo servizio SkyTG24 di Elisa Calcamuggi
La prima gara internazionale sulla Leonardo David

© RIPRODUZIONE RISERVATA