Macugnaga, dal 22 giugno torna lo sci estivo sulla pista San Pietro al Monte Moro

Macugnaga, dal 22 giugno torna lo sci estivo sulla pista San Pietro al Monte Moro
Info foto

Davide Franchi

PiemonteSci estivo

Macugnaga, dal 22 giugno torna lo sci estivo sulla pista San Pietro al Monte Moro

Grazie alle abbondanti nevicate primaverili lo skilift, ad oltre 2.800 metri di quota, sarà aperto tutti i fine settimana dalle 8.30 alle 12.30, finché le condizioni di innevamento lo consentiranno.

Da sabato 22 giugno torna lo sci estivo sulle piste più in quota del comprensorio di Macugnaga – Monte Moro. La località offre una stupenda veduta panoramica sulla parete Est del Monte Rosa, che con il susseguirsi delle Punte Gnifetti, Zumstein, Dufour e Nordend, tutte oltre i 4.500 metri di quota, è la più alta delle Alpi.

Filippo Besozzi, direttore della società di gestione, Cooperativa Macugnaga Trasporti e Servizi, ha descritto la situazione attuale, al quotidiano La Prealpina: “Al Passo Moro le condizioni di innevamento risultano davvero eccezionali con oltre quattro metri di neve nella parte alta del comprensorio”.

L’impianto interessato dall’apertura sarà lo skilift San Pietro, il più in quota del comprensorio, ad oltre 2.800 metri. Sarà accessibile grazie alle funivie Macugnaga – Bill – Passo Moro, che partono direttamente dal centro di Macugnaga.

L’apertura, dalle 8.30 alle 12.30, verrà proposta per tutti i fine settimana, finché le condizioni di innevamento lo consentiranno.

Lo sci estivo a Macugnaga non è una novità: negli ultimi anni è stato infatti proposto con regolarità tra la fine di giugno e l’inizio di luglio e, negli anni Ottanta, grazie all’installazione di alcune manovie sul nevaio di Talliboden, situato in territorio svizzero, l’apertura si protraeva per buona parte della stagione estiva.

Oltre allo sci estivo, l’apertura delle funivie del Monte Moro, consente l’accesso a una vasta rete di percorsi escursionistici ed alpinistici, mentre sul versante opposto l’apertura delle seggiovie Pecetto-Burki-Belvedere consente di raggiungere e attraversare il Ghiacciaio del Belvedere, con il suo fronte “nero”, in cui il ghiaccio è totalmente ricoperto dai detriti scaricati dalle ripide pareti del Monte Rosa. L’offerta turistica è completata da una serie di strutture ricettive in cui poter degustare i prodotti tipici del territorio e dal patrimonio artistico e culturale di Macugnaga, con le sue frazioni ricche di testimonianze della storia dei Walser, popolo di madrelingua tedesca, da cui ancora oggi discende la popolazione locale e che, attraversando le Alpi nel periodo medioevale di “optimum climatico”, in cui il clima era particolarmente mite e le distese glaciali ridotte ai minimi storici, fondò questi centri abitati. Di particolare interesse in tal senso, è l’antico “Dorf”, situato a pochi metri dalla stazione di partenza delle funivie del Passo Moro e di cui si può ben apprezzare la veduta aerea durante la risalita. Si tratta del più importante e meglio conservato insediamento Walser della conca di Macugnaga, in cui le caratteristiche baite in legno e pietra sono ben visibili accanto all’antica Chiesa Vecchia e all’ombra di un tiglio secolare attorno a cui si svolgevano importanti momenti di vita comunitaria. La cultura Walser rivive ogni anno, all’inizio del mese di luglio, quando si svolge la Fiera di San Bernardo, grande mostra mercato dell’artigianato locale, che quest’anno avrà luogo dal 5 al 7 luglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
193
Consensi sui social

Ultimi in Regioni

Macugnaga, con l'alluvione danni ingenti alle piste da sci tra l'Alpe Burki e Pecetto

Macugnaga, con l'alluvione danni ingenti alle piste da sci tra l'Alpe Burki e Pecetto

Colpita la parte bassa del comprensorio Burki-Belvedere, dove l'esondazione dei torrenti Anza e Roffel ha ricoperto di detriti la pista Fontanone con danni importanti anche all'impianto di innevamento programmato. Non si registrano, invece, danni agli impianti di risalita con regolare esercizio sia al Belvedere che al Monte Moro, dove in questo week-end, grazie alle abbondanti nevicate primaverili, sarà ancora possibile sciare sulla pista servita dallo skilift San Pietro.