Questo sito contribuisce alla audience de

L'estate del Freestyle ai Nazca Snowboard Camp 2009

Nazca Camp a Tignes 2008
Info foto

nazcacamp.com

Francia

L'estate del Freestyle ai Nazca Snowboard Camp 2009

Vi state chiedendo si partecipare a un camp estivo di snowboard?
Se si, vi consigliamo di scegliere Nazca Camp.  In un camp estivo nazca si impara, si migliora la tecnica, ci si diverte, si trovano nuovi  amici, si condivide uno sport e uno stile di vita, si impara a conoscere non solo il popolo della tavola, ma anche l'ambiente circostante.

Per l'estate Nazca propone CAMP in due località, Tignes e Les2Alpes.
"Crediamo fermamente che il 2009 sarà l'estate Freestyle" racconta Roby di NAZCA
"Con tutta la neve caduta durante l'inverno le stazioni di Tignes e Les2Alpes  stanno lavorando per prepararci due campi davvero speciali".

Quali sono le differenze tra le due località?
"A Tignes sicuramente il park sarà meno esteso e meno imponente. Ma non per questo meno curato. E se la grandezza del park non sarà quella di Les 2 Alpes, ci sarà sicuramente meno gente, meno code agli impianti, meno attese tra un salto e l'altro.  Adatto a chi vuole imparare senza tensioni, senza paure e con tutta la calma del caso   E Les2Alpes ogni anno ci stupisce con strutture nuove e sempre imponenti, Raider internazionali, e quest'anno vista la presenza di tanta neve le sorprese non mancheranno".

Perché consigli di scegliere un Camp NAZCA?
"Beh... I motivi sono tanti:
- I primi camp in Europa nati nel 1987, basta vedere la NAZCA HISTORY sul sito
- Utilizzo di materiali sempre innovative e di programmi aggiornati ogni anno
- Aiuto di coach tra I migliori freestyler scelti in base non solo alle capacità tecniche ma anche in base alle esperienze communicative e di insegnamento (Richi Suppo, Erik Dantone, Silvia Bresciani, Mattia Piccardi, Ale e Mauri)"

Il programma freestyle di Nazca è sempre molto attento alle novità, all'evoluzione della tecnica e ai metodi di insegnamento. Per esempio sul park la comunicazione fra rider e insegnate è spesso difficoltosa. Il team Nazca è equipaggiato con un comodo sistema di radioline che permette a chi è sulla rincorsa del salto di comunicare in tempo reale con il coach che invece è di fianco al jump. Così è molto più comodo e facile ascoltare e capire i consigli prima di partire, o ascoltare le correzioni appena terminata la fase di atterraggio.
Oggi Nazca Camps un vero e proprio punto di riferimento in Europa.
Per chi vuole essere seguito nel park ed è sprovvisto di protezioni o di casco, le aziende che collaborano con Nazca (protezioni UFO, caschi DEMON) mettono a disposizione il materiale.   Inoltre, grazie allo studio condotto sulla psicomotricità abbinata alla tavola è possibile scoprire un programma speciale per  migliorare l'equilibrio, la percezione del corpo in fase aerea, e la visualizzazione di ogni fase e figura dei salti!
Ma il freestyle sono anche i trick in pista e sul flat e nel camp c'è spazio per programmi personalizzati.   Per finire le lezioni in aula sulla tecnica dei salti, sullo snowpark, sulla costruzione dei salti in neve fresca, sul miglior materiale da usare nelle varie specialità e sulla posizione più idonea di spoiler e attacchi sulla tavola.

Qual'è il programma tipo della settimana Nazca freestyle ?
"Di solito ci si sveglia il mattino abbastanza presto, un pò di allungamento e di riscaldamento, qualche discesa alla ricerca della posizione, per poi entrare nel park e cominciare a lavorare su rincorsa, visualizzazione, percezione del corpo.
Ognuno affronta salti o strutture a seconda del proprio livello tecnico e delle proprie aspettative!
Il lavoro avviene su diversi piani.
Per chi lavora sui salti: posizione, lateralità e centralità, esecuzione delle fasi del salto , tecnica aerea, ripetizione di figure.
Per chi preferisce il Pipe: traiettorie, posizione, presa di spigolo, atterraggio sugli spigoli corretti, uscita dal vert, figure aeree ...
Per i patiti dei Rail: posizione corretta, rincorsa, aggancio, messa a piatto della tavola, uscita, figure.
Il pomeriggio la scelta delle attività è varia e lunga:
- il tappeto per provare i salti del mattino o tentare nuove figure;
- lo sk8 nei park di Tignes e Les 2 Alpes;
- a Les 2 Alpes un salto dal banji jump e a Tignes un giretto sul lago per provare l'ebbrezza del water jump e dell'atterraggio in acqua;
- Un pomeriggio dedicato al downhill in bici per provare aumentare adrenalina e destrezza;
- varie lezioni teoriche in aula con i Pro che, con l'aiuto di vari video e di disegni, vi porta a comprendere esecuzioni, difficoltà, errori e possibilità di miglioramento;
- L'indo Board per migliorare l'equilibrio;
- Le sedute di psicomotricità per imparare a visualizzare le varie fasi del salto, a percepire il proprio corpo in aria, ad aumentare le motivazioni;
- Il semplice relax nei nostri locali, per socializzare, ascoltare musica insieme, bersi una birra e farsi raccontare dai pro la storia dello snow e i vari appuntamenti dell'inverno."

Per maggiori informazioni.
www.nazcacamp.com

2
Consensi sui social

Approfondimenti

Guarda le Foto Nazca Camp Estate 2008

10 foto, ultima del Lunedì 1 Giugno 2009