Impianti fermi al Faloria, sono scaduti i termini della revisione delle funi della storica funivia di Cortina

La funivia Faloria
Info foto

Marco Donna

Veneto

Impianti fermi al Faloria, sono scaduti i termini della revisione delle funi della storica funivia di Cortina

Sabato 15 luglio è stata chiusa la storica funivia Faloria di Cortina d'Ampezzo. Stagione a rischio per il rifugio Faloria!  L’impianto era stato riaperto il 23 giugno, sette giorni prima della scadenza della certificazione.  La vecchia stazione della funivia è conosciuta al grande pubblico anche perchè nel 1993 fu utilizzata per le riprese del celebre film di Silvester Stallone, "Cliffhanger-Ultima Sfida".

Lo stop forzato dell’impianto – che collega Cortina al rifugio Faloria, sul comprensorio del monte Cristallo – è dovuto alla scadenza della revisione delle funi di scorrimento. Il blocco della funivia è arrivato sabato dall’Agenzia nazionale per la sicurezza delle infrastrutture (Ansfisa), organo di controllo del Ministero dei trasporti. La funivia era stata riaperta ai turisti circa tre settimane fa, solo sette giorni prima della scadenza della certificazione.

La certificazione sullo scorrimento delle funi passanti delle cabine, che per legge ha una durata di sette anni, sarebbe scaduta nel mese di giugno, ma la società di gestione non avrebbe fatto in tempo a rinnovarla. Un cartello apposto sulla Funivia Faloria ha avvertito i turisti che l’impianto di risalita è stato chiuso per “pratiche amministrative straordinarie”. I gestori hanno previsto un servizio sostitutivo in jeep per raggiungere il rifugio in quota, anche se è prevedibile che dei 350 utilizzatori quotidiani solo una parte possa essere convogliata sul servizio sostitutivo, più costoso e lento.

“Una scadenza che non abbiamo rispettato perché eravamo convinti che il rinnovo potesse essere richiesto entro la fine dell’anno solare, invece c’era una data precisa da dover rispettare”, ha dichiarato il presidente della società di gestione, Alessandro Menardi, al Corriere delle Alpi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
139
Consensi sui social

Si parla ancora di Veneto

Arabba

Società Benefit e impianti sciistici, l’esempio di Funivie Arabba

Davide Franchi, Giovedì 13 Giugno 2024
Cortina d'Ampezzo

L'11 novembre inizia la stagione al Col Gallina

Michela Caré, Giovedì 9 Novembre 2023
Cortina d'Ampezzo

Cortina, presentato il progetto per preservare il permafrost

Michela Caré, Giovedì 14 Settembre 2023

Ultimi in Regioni

Macugnaga, con l'alluvione danni ingenti alle piste da sci tra l'Alpe Burki e Pecetto

Macugnaga, con l'alluvione danni ingenti alle piste da sci tra l'Alpe Burki e Pecetto

Colpita la parte bassa del comprensorio Burki-Belvedere, dove l'esondazione dei torrenti Anza e Roffel ha ricoperto di detriti la pista Fontanone con danni importanti anche all'impianto di innevamento programmato. Non si registrano, invece, danni agli impianti di risalita con regolare esercizio sia al Belvedere che al Monte Moro, dove in questo week-end, grazie alle abbondanti nevicate primaverili, sarà ancora possibile sciare sulla pista servita dallo skilift San Pietro.