Questo sito contribuisce alla audience de

A Zermatt l’impianto più alto del mondo entro il 2019

zermattt cabinovia
Valle d'Aosta

A Zermatt l’impianto più alto del mondo entro il 2019

Entro la stagione invernale 2018/2019 a Zermatt verrà realizzato dalla ditta Leitner ropeways l’impianto 3S più alto del mondo in grado di trasportare i passeggeri dal Trockener Steg fino al Matterhorn Glacier Paradise (Piccolo Cervino), a quasi 4.000 metri di altezza, collegando il versante svizzero con quello italiano.

Più precisamente si tratta di 25 cabine progettate da Pininfarina, l’azienda che ha disegnato la Ferrari, ciascuna dotata di ampie vetrate panoramiche con 28 posti a sedere con una capacità di trasporto di 2000 persone all’ora per un tragitto della durata di 9 minuti.

Tra i vantaggi del sistema 3S vi è la tecnologia DirectDrive che può essere installata anche come azionamento principale e garantisce una maggiore silenziosità e minori consumi.

L’ottimo rapporto qualità/prezzo e la nuova tecnologia di azionamento hanno giocato un ruolo decisivo nella scelta. Con questo nuovo impianto 3S miglioreremo la portata e i tempi d’attesa e avremo nel contempo un impianto più stabile in caso di vento” ha detto  Sandra Stockinger, responsabile vendite e marketing della Zermatt Bergbahnen AG.

I lavori per la costruzione del nuovo impianto si effettueranno durante le stagioni estive per un totale di 100 giorni l’anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
3
Consensi sui social

Si parla ancora di Valle d'Aosta

Cervinia

Cervino S.p.A. chiude una stagione invernale da record.

Redazione Turismo, Giovedì 5 Maggio
Pila

Il Bancomat Pay Vertical Winter Tour 2022 fa sosta a Pila

Redazione Turismo, Giovedì 17 Febbraio 2022
Pila

Con la nuova telecabina del Couis nascerà una stella sulle vette di Pila

Redazione Turismo, Venerdì 17 Dicembre 2021

Ultimi in Regioni

A Livigno lo snowfarm salva la neve caduta in primavera

A Livigno lo snowfarm salva la neve caduta in primavera

Nel piccolo Tibet sono iniziate le operazioni che, per il settimo anno consecutivo, consentiranno di raccogliere e stoccare la neve naturale e artificiale accumulata nel mese di marzo e aprileun “tesoretto” bianco che, adeguatamente conservato alle porte del paese grazie ad un apposito sistema di isolamento, tornerà alla luce in autunno pronto all’uso per innevare l’anello per lo sci di fondo già a partire dal mese di ottobre.