Questo sito contribuisce alla audience de

Laghi Dolomitici: Braies- con la neve o con il Sole, sempre ... un amore! ( HD)

Alto Adige#3zinneninfo

Laghi Dolomitici: Braies- con la neve o con il Sole, sempre ... un amore! ( HD)

Giovedì 5 Maggio 2016Durata: 4 min 42 sec

Il lago di Braies è un piccolo lago alpino situato in Val di Braies (una valle laterale alla Val Pusteria) a 1.496 m s.l.m. nel comune di Braies (BZ), a circa 97 km da Bolzano. Il lago giace ai piedi dell'imponente parete rocciosa della Croda del Becco (2.810 m) e si trova all'interno del parco naturale Fanes - Sennes e Braies. Ha un'estensione di circa 31 ettari con una lunghezza di 1,2 km e una larghezza di 300-400 metri. È uno dei laghi più profondi della provincia autonoma di Bolzano, con ben 36 metri di profondità massima e una profondità media di 17. Il lago è di origine franosa, in quanto la sua creazione è dovuta allo sbarramento del rio Braies a causa di una frana staccatasi dal Sasso del Signore. Il lago è una meta turistica, che attira per il colore blu intenso delle sue acque limpide e per lo scenario naturale in cui è immerso. In effetti il lago è circondato su tre lati da cime dolomitiche, tra cui la Croda del Becco. Il lago è il punto di partenza dell'Alta via n. 1 delle Dolomiti detta "La classica" che arriva fino a Belluno ai piedi del Gruppo dello Schiara. Per raggiungere il lago, si prende lo svincolo per la Val di Braies, tra i paesi di Monguelfo e Villabassa in Alta Pusteria. Dopo aver percorso alcuni chilometri si incontra l'unico bivio, e si prende la strada in direzione del lago. Dopo aver passato i villaggi di Ferrara (Schmieden) e San Vito (St. Veit), si arriva al parcheggio (a pagamento nella stagione turistica), dove si trova un grande albergo-ristorante, l'Hotel Pragser Wildsee legato alla figura pionieristica di Emma Hellenstainer. È possibile effettuare un giro attorno alle rive del lago. Questo percorso è sulla sponda occidentale, piano e largo, mentre sulla sponda orientale è ripido e stretto, con alcune scalinate. Nonostante ciò questa bella passeggiata che porta ai piedi della Croda del Becco, è affrontabile da qualsiasi escursionista. Durante il periodo invernale spesso questi sentieri (soprattutto quello sulla sponda orientale) risultano chiusi, causa pericoli di valanghe. È comunque possibile effettuare un'escursione attorno al lago, dato che la sua superficie risulta ben solidamente ghiacciata.

Leggi tutto Leggi di meno

Si parla ancora di Alto Adige

Alto Adige
Alto Adige

Con TelepassPay via libera in tutto il Dolomiti Superski

Press Release, Martedì 26 Ottobre, 22:04
Alta Badia
Alta Badia

Nuova seggiovia "Sodlisia" a Colfosco

Michela Caré, Venerdì 15 Ottobre
Valle Isarco
Valle Isarco

Una nuova cabinovia a 10 posti nel comprensorio Ladurns

Michela Caré, Martedì 27 Luglio 2021
Solda
Solda

Nuova cabinovia Kanzel a 10 posti a Solda

Michela Caré, Lunedì 12 Luglio 2021