Questo sito contribuisce alla audience de

Alpe di Mera, il nuovo impianto di innevamento sulla pista di rientro a Scopello è la grande novità della stagione sciistica

Alpe di Mera, il nuovo impianto di innevamento sulla pista di rientro a Scopello è la grande novità della stagione sciistica
Info foto

Davide Franchi

PiemonteStagione invernale 2023/24

Alpe di Mera, il nuovo impianto di innevamento sulla pista di rientro a Scopello è la grande novità della stagione sciistica

Apertura impianti prevista, neve permettendo, per il giorno 6 dicembre. Tra le novità il potenziamento dell’impianto di innevamento con un sistema di prelievo delle acque dal fiume Sesia e l’estensione alle piste Pianaccia e Mera-Scopello

L’Alpe di Mera si presenta alla nuova stagione con importanti novità sull’impianto di innevamento e sulle piste che ne rafforzano ulteriormente la propria offerta turistica. Negli ultimi anni, grazie allo sviluppo di aree ludiche realizzate in collaborazione con l’azienda Gea Fun Experience, la località si è affermata come meta di riferimento per le famiglie con bambini.  Per rafforzare ulteriormente questa vocazione nei mesi scorsi la società Monterosa 2000, storico gestore degli impianti di Alagna Valsesia, che dal 2019 si occupa anche dell’Alpe di Mera, ha intrapreso un importante intervento di manutenzione straordinaria del fondo della pista “M1A Camparient Alto, punto di passaggio obbligato di tutti gli sciatori verso la stazione a monte dell’impianto di arroccamento da Scopello. Obiettivo dei lavori è stato quello migliorare la morfologia del piano sciabile in modo da facilitarne la percorribilità da parte di un numero di sciatori più ampio possibile. Oltre a ridurre la difficoltà tecnica della pista, questo lavoro permetterà anche un notevole risparmio sulla quantità di neve programmata da produrre e dunque una significativa riduzione delle tempistiche e delle risorse impiegate per l’apertura al pubblico.

Le principali novità della stagione invernale riguardano gli investimenti sull’impianto di innevamento programmato, realizzati in collaborazione con l’azienda TechnoAlpin di Bolzano, leader mondiale del settore. Obiettivi dell’intervento l’incremento della potenza di pompaggio e l’ottimizzazione dell’uso delle risorse idriche.

Un’operazione importante sia sotto il profilo economico con un investimento di 2,5 milioni di euro, che tecnico con lavori durati quasi un anno. Le opere realizzate incrementano la disponibilità idrica necessaria al funzionamento dell’impianto di innevamento programmato grazie a un sistema che permette di prelevare fino a 400 mc/ora di acqua dal fiume Sesia nei pressi del ponte storico di Pila. Con tale condotta, l’acqua viene recapitata presso il Palazzetto dello Sport di Scopello dove, all’interno di alcuni locali messi a disposizione dal Comune di Scopello, è stata realizzata una imponente stazione di pompaggio ed è stato anche installato un nuovo compressore per l’aria. Dal Palazzetto si diparte una nuova linea ad alta pressione che risale la pista Mera-Scopello fino alla pista Pianaccia, per poi proseguire fino al bacino di stoccaggio esistente presso la stazione di valle della seggiovia Camparient. La linea sulla pista Mera-Scopello, attrezzata con 33 nuovi pozzetti, consentirà sia il pompaggio dell’acqua dal Sesia al lago esistente che l’innevamento della pista; la porzione di tubazione sulla pista della Pianaccia avrà solo funzione di adduzione dell’acqua al lago mentre sarà affiancata da una tubazione indipendente, proveniente dalla sala pompe esistente presso il bacino, che alimenterà 15 nuovi pozzetti necessari per l’innevamento della pista. La messa in funzione del nuovo sistema consentirà di innevare le piste esistenti e quelle oggetto dell’intervento di ampliamento in tempi molto più ridotti, sfruttando al meglio le basse temperature e garantendo l’apertura del comprensorio nei tempi prestabiliti e nelle migliori condizioni di sciabilità e di sicurezza. 

I DATI TECNICI DELL'OPERA

  • Linea presa-sala pompe: lunghezza circa 800 m con tubazione in polietilene DN 315 mm
  • Linea Mera-Scopello: lunghezza circa 2400 m con tubazione in ghisa DN 300 mm
  • Linea Pianaccia: lunghezza circa 1300 m con tubazione in ghisa DN 250 affiancata con tubazione in ghisa DN 150/125 mm
  • Linea aria Scopello-Mera-Pianaccia: lunghezza circa 3700 m con tubazione in polietilene DN 200 mm
  • Linea elettricità e dialogo
  • Nuove pompe opera di presa 3 x 15 kW
  • Nuove pompe stazione pompaggio palazzetto 5 x 250 kW
  • Nuovo compressore aria stazione pompaggio palazzetto da 250 kW
  • 33 (Mera-Scopello) + 15 (Pianaccia) pozzetti attrezzati con aste ad alta pressione ad aria centralizzata
  • Nuovi trasformatori MT/BT stazione pompaggio palazzetto 2 x 1250 kVA
  • 66 nuove lance automatiche

STAGIONE SCIISTICA 2023/2024: CALENDARIO APERTURE, ORARI IMPIANTI E PROMOZIONI

Gli impianti di risalita saranno aperti al pubblico dal 6 dicembre 2023 al 10 dicembre, il 16 e 17 dicembre e in seguito tutti i giorni dal 23 dicembre al 24 marzo 2024. 

Sono considerate festive le giornate dal 7 al 10 dicembre 2023, dal 23 dicembre 2023 al 7 gennaio 2024, dal 10 al 18 febbraio 2024 e tutti i sabati e le domeniche. Sono considerate feriali tutte le restanti giornate.

Dal 10 al 25 gennaio giornaliero feriale in promozione a 25,00 € tutti i mercoledì e giovedì.

Orario impianti:

Impianto di risalita        
Orario Feriale            Orario Festivo                
Seggiovia biposto Scopello - Mera (impianto di arrocamento)                        9.00 - 17.30 8.30 - 17.30
Tapis Roulant Alpe di Mera 9.00 - 16.30 9.00 - 17.00
Seggiovia quadriposto Camparient 9.00 - 16.30 8.45 - 16.30
Seggiovia quadriposto Capricorno 9.00 - 16.30 8.45 - 16.30
Skilift Campo 9.15 - 16.00 9.00 - 16.00
Seggiovia biposto Bimella CHIUSA 9.15 - 16.00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
154
Consensi sui social

Più letti in Regioni

Stresa – Mottarone, i dettagli del progetto di rinnovo della funivia

Stresa – Mottarone, i dettagli del progetto di rinnovo della funivia

Il 24 novembre in avvio del Forum Internazionale sul Turismo di Baveno è stato presentato il progetto per la riapertura della funivia Stresa-Alpino-Mottarone dopo il tragico incidente del maggio 2021. Intervento da 15 milioni con obiettivo inaugurazione per l’estate 2025.