Domenica 15 Settembre, 9:42
Utenti online: 789

Quattroflex e Varioflex, le tecnologie Alpina per il casco visor Jump

Alpina Jump 2.0  2018/2019

A Ispo 2018, la fiera internazionale di Monaco dedicata agli articoli sportivi, Alpina ha presentato il nuovo modello di casco visor Jump. La versione 2.0 del popolare casco della casa tedesca è completamente rinnovata. Il suo fit eccellente garantisce comfort quando indossato e il visore, disponibile in Quattroflex o tecnologia Varioflex, garantisce visibilità ottimale in ogni condizione meteorologica. Il risultato: protezione massima e visione amplificata.

Le novità Alpina presentate a ISPO 2018 le trovate a questo link.

FOCUS SULLE TECNOLOGIE ALPINA

Quattroflex
La speciale tecnologia per lenti Alpina offre agli amanti di sport invernali una visione notevolmente aumentata.
La tinta in rosso rubino riduce la quantità di blu nella luce, aumentando il contrasto della neve e dando così la possibilità di conoscere e distinguere velocemente qualsiasi dettaglio che ci circondi. Grazie all’effetto illuminante delle lenti, i contorni e le altre caratteristiche delle piste sono più facilmente visibili anche in difficili condizioni meteorologiche (es. nevicate, nebbia, luce diffusa). Un film polarizzante della più alta qualità ottica è integrato nella lente per completare l’effetto Quattroflex. Fasci di luce e bagliore che possono distrarre l’atleta vengono filtrati via, incrementando ulteriormente i livelli di contrasto. I riflessi sono ridotti al minimo, rendendo più facile notare le aree ghiacciate e altre situazioni pericolose che si possono presentare di fronte a uno sciatore, per reagire più prontamente.

Varioflex
Varioflex è una tecnologia che viene applicata sulla lente e fa in modo che la trasmittanza si adatti alle condizioni meteorologiche. Le lenti fotocromatiche reagiscono alla luce, facendo in modo che i componenti chimici tendano a “raddensarsi”, producendo un effetto ombra bidimensionale.  Se la luce diventa meno intensa, i prodotti chimici saranno parzialmente inibiti rendendo la lente più chiara.   Il processo avviene nel giro di pochissimi secondi e il risultato ottenuto è quello di avere una lente che riesce ad adattarsi ad un insieme molto ampio di condizioni di luce.

Maggiori informazioni: www.alpina-sports.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA