Questo sito contribuisce alla audience de

Il Gruppo Salewa-Oberalp scala la crisi COVID-19

Logistica e trasporto materiale
Info foto

redazione

Aziendeemergenza coronavirus

Il Gruppo Salewa-Oberalp scala la crisi COVID-19

Fra le numerose aziende italiane, dell'outdoor e non, che si sono attivate per aiutare la collettività ad affrontare l'emergenza Coronavirus, il Gruppo Salewa-Oberalp sta affrontando una sfida coraggiosa su una “montagna” impegnativa.

Un’ascesa a una vetta sconosciuta. Una scalata difficile, ma non impossibile. Un impegno straordinario basato sulla calma e sulla comprensione di noi stessi, fondamentale per non perdersi e per andare oltre. Quel saper rinunciare che viene chiesto a tutti. Anche ai più bravi scalatori che sanno che può diventare un’ossessione la loro. Ma sanno anche che le difficoltà non si devono nascondere. Bisogna conoscere gli ostacoli. E occorre affrontare le proprie paure per vincerle. Per sfuggire all’isteria e alle ossessioni. Per darsi dei limiti. Per impegnarsi a superarli.

Una conversione. Un modo diverso di affrontare una “montagna” che questa volta sta mettendo alla prova duramente. Una “verticale” che non fa sconti a nessuno chiamata Coronavirus che un colosso dell’outdoor come il Gruppo Salewa-Oberalp ha scelto di “scalare” a modo suo, fermando la propria produzione, o meglio, rimodulandola realizzando camici e mascherine protettive da destinare al Servizio Sanitario dell'Alto Adige e alla Protezione Civile, a sostegno di tutti quei “climbers” che lottano al COVID-19.

La produzione settimanale di 50.000 mascherine in cotone misto poliestere e 800 camici protettivi in Gore-Tex® e PowerTex, tessuti tecnici normalmente utilizzati per le giacche da alpinismo, ha permesso alle strutture mediche dell’Alto Adige di affrontare l’emergenza più immediata di mancanza di materiale. Allo stesso tempo, attraverso il proprio partner licenziatario Salewa nella città cinese di Xiamen (Cina), il Gruppo Salewa-Oberalp ha potuto ordinare un totale di 16,5 milioni di mascherine protettive chirurgiche e KN95 e 600.000 camici protettivi, di cui 1,5 milioni di mascherine sono state ordinate dalla Provincia Autonoma di Bolzano, mentre ulteriori 15 milioni di mascherine dalla Protezione Civile Statale. In stretta collaborazione con le autorità sanitarie e la Protezione Civile, si sono aperte più vie di trasporto aereo da utilizzare per la consegna del volume gigantesco di oggetti. Il materiale è stato trasportato dalla Cina a Vienna grazie a una collaborazione unica nel suo genere con Austrian Airlines e il governo austriaco. Con un'azione straordinaria, due Boeing 777 per uso commerciale sono stati utilizzati per trasportare la prima spedizione di materiale sanitario attraverso la via più veloce che si è potuta trovare. Il trasporto con gli aerei messi a disposizione da Austrian Airlines sarà possibile per tutto il tempo necessario e potrà continuare a portare materiale sanitario in Italia ed Europa.

“La competenza nella produzione di abbigliamento per lo sport di montagna per i nostri marchi Salewa, Dynafit, Evolv, Pomoca e Wild Country, l’organizzazione logistica, la rete di consolidati rapporti internazionali e la capacità di agire rapidamente, sono stati gli elementi che ci hanno permesso di dare un contributo attivo per affrontare l’emergenza”, spiega Christoph Engl, Amministratore Delegato del Gruppo Salewa-Oberalp.

info

Oberalp mascherine

info

Heiner Oberrauch Oberalp

info

Logistica e trasporto materiale

info

Logistica e trasporto materiale

info

Logistica e trasporto materiale

info

Logistica e trasporto materiale

info

Aereo

info

Produzione delle mascherine

info

Camici Oberalp Salewa

Foto : Coronavirus: Oberalp-Salewa consegna oltre 1 milione di mascherine

“Siamo abituati ad assumerci le nostre responsabilità, non solo per i nostri dipendenti e consumatori, ma anche per la società in cui viviamo e lavoriamo – spiega Heiner Oberrauch, Presidente del Gruppo Salewa-Oberalp. In tutta Italia, come nel territorio della nostra sede a Bolzano, c’è un’emergenza nella emergenza, rappresentata da una forte carenza di dispositivi medici di protezione per il personale che tratta i pazienti affetti da COVID-19. Per rispondere in tempi brevissimi alla necessità del Servizio Sanitario dell’Alto Adige, abbiamo iniziato a cucire mascherine e camici protettivi idrorepellenti presso la nostra filiale a Montebelluna, riutilizzando i materiali di scarto delle nostre produzioni.”

"Questa è una nuova dimensione dell’impegno in ambito di sostenibilità e responsabilità sociale del Gruppo Salewa-Oberalp - conclude Heiner Oberrauch - che mai ci saremmo immaginati di attuare due settimane fa. Come azienda privata abbiamo potuto mettere a disposizione risorse e rapidità di intervento per anticipare tutti costi per le istituzioni pubbliche, organizzando anche i permessi ufficiali per i trasporti in Cina e verso la destinazione finale. Il nostro dipartimento di logistica si occuperà della distribuzione del materiale per conto del Servizio Sanitario dell'Alto Adige, riorganizzando il proprio carico di lavoro e aumentando il numero di turni."

Questa nuova dimensione dell’impegno in ambito di sostenibilità e responsabilità sociale intrapresa dal Gruppo Salewa-Oberalp è un’iniezione di coraggio. Dobbiamo crederci. Possiamo farcela e andare oltre. Come sanno andare oltre i climbers nella loro scalata in solitaria. Ma questa volta su questa “verticale” ci siamo tutti insieme, a guardare avanti con responsabilità. Con fiducia, anche. Oltre quel necessario metro che fa da confine ai tempi del Coronavirus.

#CORONAVIRUS
© RIPRODUZIONE RISERVATA
344
Consensi sui social

Approfondimenti

Coronavirus: Oberalp-Salewa consegna oltre 1 milione di mascherine

Sono ora a disposizione dell Azienda sanitaria dell Alto Adige

9 foto, ultima del Giovedì 26 Marzo 2020