Questo sito contribuisce alla audience de

Anticipazioni 2015/16: Blizzard è racecarver ma soprattutto freeski

Sci e Attacchi

Anticipazioni 2015/16: Blizzard è racecarver ma soprattutto freeski

Michele Botteon, responsabile dello sviluppo prodotto Blizzard, ci illustra le principali novità del mondo Blizzard, con particolare attenzione ai settori più in crescita del mercato: i settori touring, freeride e racecarver.

La prima novità è la linea “Zero G”: dove per G si riferisce a grammi e gravità: uno sci leggero per il freetouring e l’alpinismo.

L’idea di base per lo sviluppo è la creazione di uno sci leggero ma performante in discesa. L’obiettivo è realizzato con il carbon drive: l’anima dello sci è in carbonio unidirezionale realizzato con un telaio derivato dal mondo bike e che traspare dalla serigrafia. Questo telaio garantisce rigidezza torsionale, facendo si che in discesa lo sci abbia un ottimo appoggio sulla lamina.

In ambito pista la novità dell’anno, pensata appositamente per il mercato italiano, è il nuovo racecarver. La linea si divide in due modelli che si differenziano per alcuni particolari ma sono basati sull’idea di fornire uno sci semplice per ogni tipologia di utente.
La costruzione è full woodcore, con sciancratura però fruibile da un pubblico vasto, con raggio 14.5 mt nella misura 172cm, un ottimo compromesso tra curve condotte e facilità di uso, grazie al particolare profilo di punta e coda, che permette sia la sciata in conduzione sia di progredire nell’evoluzione, sciando anche in sbandata.
Le differenze tra i due RC si trovano sia nel rinforzo: uno è titanio, per offrire un ottimo rebound e l’altro è fibra di vetro, sia nella piastra: solo il RC Ti è dotato della Powerplate Suspension.

La linea di freeride/allmountain, chiamata internamente linea “bull” (ogni nome dello sci deriva dai tori da rodeo) è quella che nel mondo regala più soddisfazioni a Blizzard. Negli ultimi anni anche in Italia, grazie all’allargamento della serie a misure con larghezze di 78 e 88mm (Latigo e Brahma), lo sci sta ogni anno incrementando il numero di vendite. I modelli abbinano la stessa costruzione di sci da gara (full woodcore) con un setup e sciancratura adatta sia alla pista che al fuoripista, racchiudendo così il concetto di sci allmountain.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
2
Consensi sui social