Questo sito contribuisce alla audience de

Skicross: tripletta francese nella gara maschile

Skicross: tripletta francese nella gara maschile
Info foto

Getty Images

FreestyleSkicross - Sochi

Skicross: tripletta francese nella gara maschile

Jean Frederic Chapuis vince l'oro, argento e bronzo rispettivamente per Anaud Bovolenta e Jonthan Midol: un podio tutto francese per lo skicross maschile

Una Marseillaise per tre. Questo ha detto la gara di skicross maschile disputata oggi sul tracciato di Rosa Khutor Extreme Park, lo stesso dove nei giorni passati si sono svolte le gare di snowboardcross femminile e maschile. Più che una gara Olimpica, un campionato nazionale in salsa bleu. La Francia fa sold out e occupa tutti i gradini del podio, mentre il canadese Brady Leman si deve accontentare della quarta piazza, complice anche una caduta mentre era in piena bagarre per rovinare la festa transalpina. Vince Jean Frederic Chapuis, davanti ad Arnaud Bovolenta e Jonathan Midol.

Come classico di questo sport, spettacolare e adrenalinico, si è assistito a una gara ricca di emozioni e colpi di scena, con molte uscite eccellenti fin dai primi turni e con il consueto menù ricco di contatti, sportellate, salti da urlo prima del traguardo, lunghi anche fino 50/60 metri. Uno dei grandi favoriti per la vittoria finale, lo svedese Victor Oehling Norberg è rimasto fuori dal discorso finali, così come David Duncan (Canada), Daniel Bohnacker (Germania), Andreas Matt (fratello dello sciatore Mario, e argento olimpico a Vancouver) e lo svizzero Alex Fiva. Tutta gente che in Coppa del Mondo vanta podi e vittorie ma che oggi è rimasta fuori dal contest delle medaglie, in una gara che visto l'assenza di italiani e la mancata partenza dell'oro di Vancouver, lo svizzero Michael Schmid.

La Russia ha sognato la medaglia con Egor Korotkov, arrivato fino alla semifinale ma poi costretto ad accontentarsi della small final poi vinta per il quinto posto finale. Il russo è stato protagonista, assieme allo svedese Victor Oheling Norberg e al finlandese Jouni Pellinen, di uno dei fotofinish più pazzi della storia. Tutti e tre gli atleti hanno infatti tagliato il tragaurdo a pelle di leone, e a prevalere è stato proprio Egor Korotnikov.

2
Consensi sui social