Questo sito contribuisce alla audience de

Skicross: Sandra Naeslund fa tris sotto le luci di Arosa, Jole Galli ottima sesta. Tchiknavorian vince tra gli uomini

Foto di Redazione
Info foto

2022 Getty Images

Freestylecoppa del mondo skicross

Skicross: Sandra Naeslund fa tris sotto le luci di Arosa, Jole Galli ottima sesta. Tchiknavorian vince tra gli uomini

Terza gara di Coppa del Mondo con la spettacolare sprint in Svizzera: la campionessa olimpica è ancora una volta imprendibile, la livignasca si regala un bel piazzamento (con qualche rimpianto per la semifinale). Azzurri lontani nella prova maschile che premia il francese al termine di una finale folle.

La notte di Arosa incorona la regina assoluta dello skicross, una Sandra Naeslund dominante su qualsiasi avversaria, anche nel format della gara sprint che fu l'unica che non riuscì a conquistare nella scorsa stagione, condita solo da vittorie (Olimpiadi comprese).

Ed è già tris di successi in questa Coppa del Mondo 2022/23 per la fenomenale svedese (a quota 31 nel massimo circuito, sempre più solitaria in vetta tra le plurivittoriose di sempre) che, dopo la doppietta di Val Thorens, fa il vuoto sulle nevi svizzere chiudendo con ampio margine la finalissima che porta sul podio anche Marielle Thompson e Daniela Maier, mentre è amara anche questa serata per Fanny Smith, quarta.

Jole Galli, unica azzurra al via, ha combattuto da leonessa chiudendo sesta (è il suo terzo miglior risultato in CdM), ovvero al secondo posto della small final dopo una semifinale che, nel confronto con Thompson e Maier, è stata beffarda visto che per pochi metri non è riuscita la rimonta alla livignasca per centrare la seconda piazza decisiva, dopo una partenza molto complicata che, su un tracciato così breve, è stata la chiave in negativo.

Incredibile l'ultimo atto della gara maschile, con il successo finito in maniera rocambolesca a Terence Tchiknavorian (2° sigillo in coppa): il transalpino ha approfittato del contatto tra i due grandi favoriti, il canadese Reece Howden, che alla fine sarà secondo, e lo svedese David Mobaerg, terzo e deluso dopo aver dominato sin dalla qualificazione, con il tedesco Tim Hronek che ha inforcato e quindi è stato costretto ad accontentarsi della quarta piazza.

Non è andata troppo bene ai sei alfieri della nazionale italiana impegnati nel tabellone ad eliminazione diretta: il migliore è stato Edoardo Zorzi, fuori ai quarti di finale e classificatosi 16esimo, con Federico Tomasoni 18° dopo essere finito fuori agli ottavi come Simone Deromedis (27° e quindi a punti) e Yanick Gunsch (31°), mentre la corsa di Dominik Zuech e Filippo Zamboni era terminata ai sedicesimi.

Prossima tappa della Coppa del Mondo di skicross che sbarca in Italia: il 21-22 dicembre, infatti, ecco le sfide (con doppia gara) sulla splendida “Baranci”, considerata la pista più difficile dell'intero circuito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
19
Consensi sui social