Questo sito contribuisce alla audience de

Notte speciale a Livigno con il freestyle e le mascotte dei Giochi a due anni dalle gare olimpiche

Foto di Redazione
Info foto

APT Livigno

Freestylel'evento

Notte speciale a Livigno con il freestyle e le mascotte dei Giochi a due anni dalle gare olimpiche

Un evento particolare, al quale ha partecipato anche l'attesissima Flora Tabanelli, nel "Piccolo Tibet" per lanciare la volata ai Giochi Olimpici che vedranno anche la località valtellinese protagonista. Moretti (APT Livigno): "C'è un rapporto speciale della nostra comunità con le discipline che ospiteremo nel 2026".

Come da aspettative, oltre le aspettative: il lunedì Olimpico di Livigno ha regalato emozioni e spunti di riflessione a tutta la comunità, per un paese che si avvicina con calore e trasporto al grande appuntamento a cinque cerchi, che dista ormai meno di due anni. Un arco di tempo estremamente limitato, per tutti gli addetti ai lavori, ma notevolmente più lungo per tutti i bambini delle scuole elementari e medie del territorio: i primi protagonisti di giornata, nel Piccolo Tibet.

È spettato a loro, infatti, all'interno delle sale del cinema cittadino, accogliere a Livigno le mascotte Tina e Milo, a loro volta accompagnati sul palco dal team Educational del Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Milano Cortina 2026. Un vero e proprio bagno di affetto, non soltanto per i due simpaticissimi ermellini, ma anche per Valentina Marchei, Responsabile del Programma Ambassador, ex pattinatrice azzurra e profonda conoscitrice dell'universo olimpico, nonché splendida portavoce e divulgatrice dei valori dello sport. “Trasmettere alle nuove generazioni l'importanza dell'attività sportiva in generale, è un aspetto fondamentale nel processo di avvicinamento ai Giochi - ha commentato - perché quello che si costruisce non è soltanto l'evento più importante del quadriennio, ma anche un'eredità culturale, di lunga durata, che possa migliorare la qualità della vita, dando risalto alle discipline che meglio rappresentano una comunità e la sua storia”.

Sono state proprio le discipline “di Livigno” le grandi protagoniste della seconda parte del programma, con il coinvolgente show di snowboard e freestyle, reso particolarmente scenografico dall'imponente struttura realizzata nella zona dello snowfarm, e quindi ben visibile da ogni angolo del Paese. Con Zoran Filicic al microfono, e con la partecipazione straordinaria dei freestyler azzurri, tra cui Flora Tabanelli, fresca campionessa olimpica giovanile e parte del Livigno Team, il numeroso pubblico accorso ha potuto godere di un vero e proprio spettacolo acrobatico, che si è concluso con un contest a squadre, deciso a suon di evoluzioni. Un format estremamente apprezzato dai presenti (tra i quali c'era anche Sonny Colbrelli, vincitore della Parigi-Roubaix 2021), che hanno partecipato attivamente alle votazioni per le squadre capitanate da Tina e Milo. Il dj set e la pizzoccherata hanno completato il programma.

“Si tratta dell'ennesima dimostrazione di quanto Livigno si senta davvero protagonista, in questo processo di avvicinamento. Vedere ragazzi livignaschi, alcuni anche giovanissimi, diventare parte integrante dello show insieme ai grandi campioni della squadra nazionale italiana, testimonia il profondo legame che esiste tra le discipline che ospiteremo nel 2026 e il tessuto cittadino, e l'intera comunità. Un rapporto di lunga data, e il modo giusto per costruire non soltanto dei Giochi indimenticabili, ma anche un lascito culturale per le prossime generazioni”, queste le parole di Luca Moretti, Presidente di APT Livigno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
38
Consensi sui social