Questo sito contribuisce alla audience de

Marielle Thompson sempre più regina dello ski cross. In campo maschile Bischofberger ottiene la sua prima vittoria

Marielle Thompson sempre più regina dello ski cross. In campo maschile Bischofberger ottiene la sua prima vittoria
Info foto

Getty Images

FreestyleSki cross

Marielle Thompson sempre più regina dello ski cross. In campo maschile Bischofberger ottiene la sua prima vittoria

La Coppa del Mondo di ski cross ha vissuto nella giornata di sabato la sua seconda gara in due giorni nella località francese di Val Thorens. Nessuna sorpresa in campo femminile, dove Marielle Thompson si è confermata la più forte del circuito ripetendo il successo del giorno precedente e quello di Nakiska di cinque settimane prima nella gara inaugurale della stagione. Tra gli uomini, invece, regna l'equilibrio, con i tre atleti saliti sul podio in questo appuntamento che sono tutti e tre al primo podio stagionale, compreso lo svizzero Bischofberger che ha conquistato la prima vittoria in Coppa del Mondo della sua carriera.  

In campo femminile la ventiduenne svizzera Marielle Thompson sembra non avere rivali. Per lei questa è la terza vittoria nelle tre gare di Coppa del Mondo disputate in stagione e la quarta vittoria consecutiva nel massimo circuito mondiale dello ski cross se consideriamo anche l'ultima gara della stagione scorsa.

La finale femminile è stata condotta durante la prima parte di gara dall'idolo di casa Ophelie David, fino a quando Marielle Thompson è riuscita a superarla appena prima di entrare nella parte più tecnica del tracciato. La veterana francese, probabilmente distratta dal sorpasso subito dalla svizzera, ha sbagliato durante la curva in contropendenza a sinistra che immette nella parte conclusiva del tracciato permettendo anche all'altra finalista, la svedese Anna Holmlund, di sorpassarla e di finire la gara in seconda posizione.

Per la David, classificatasi terza in questa gara, questo è il cinquantottesimo podio in gare di Coppa del Mondo in carriera, il primo in stagione, mentre per la Homlund, classificatasi quarta nella gara del giorno precedente, questo è il quindicesimo podio nel massimo circuito mondiale, anche per lei il primo in stagione.

A questa finale avrebbe dovuto partecipare anche la svizzera Sanna Luedi, che si è però infortunata alla fine della propria semifinale. Purtroppo, nella giornata di lunedì, gli esami hanno riscontrato la rottura del menisco e del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Questo infortunio pone fine anticipatamente alla sua stagione pochi giorni prima dell'inizio della rassegna iridata di Kreischberg.

La canadese Simmerling, che si era piazzata al secondo posto nelle prime due gare stagionali, si è dovuta accontentare di vincere la finale B ottenendo il quinto posto finale. Non sono invece partite le due Italiane Sabine Wolfsgruber e Debora Pixner.

La Thompson attualmente comanda sia la classifica generale con 60 punti sia la classifica di specialità con 300 punti, 95 punti più della Simmerling e 125 più della Holmlund.

In campo maschile lo svizzero Marc Bischofberger ha trionfato al termine di una gara piena di sorprese in cui i vincitori delle prime due gare stagionali sono stati eliminati agli ottavi di finale.

L'elvetico, che compirà ventiquattro anni il prossimo 26 gennaio, prima di questa vittoria aveva disputato quindici gare in Coppa del Mondo ottenendo come miglior risultato un settimo posto a San Candido il 22-12-2013.

La finale maschile è stata un susseguirsi di sorpassi nella prima parte di gara, ma prima di entrare nella parte più tecnica del tracciato Bischofberger è stato in grado di portarsi in testa e di mantenere la prima posizione fino alla linea del traguardo. Dietro di lui il francese Jonathan Midol ha conquistato la seconda posizione avendo la meglio sul canadese Brady Leman, che è comunque riuscito a conquistare il gradino più basso del podio, e sull'altro svizzero Armin Niederer, l'unico di questa finale che aveva già conquistato un podio in Coppa del Mondo in stagione essendo arrivato terzo a Nakiska.

Il campione olimpico in carica Jean Frederic Chapuis si è classificato quinto dopo aver vinto una finale B composta da quattro atleti transalpini. Andreas Schauer, che aveva vinto il giorno prima, e Thomas Zangerl, vincitore a Nakiska, si sono classificati rispettivamente diciottesimo e diciannovesimo.

Per quanto riguarda gli Italiani in gara: Thanei ventiquattresimo, Tomasi quarantunesimo, Mauriello cinquantaquattresimo e Castellaz cinquantaseiesimo.

Nella classifica di specialità il tedesco Schauer mantiene il comando con 153 punti. 152 punti per l'austriaco Zangerl e 139 per il francese Chapuis.

Il prossimo appuntamento con lo ski cross sarà ai Campionati Mondiali di Kreischberg: sabato 24 gennaio le qualificazioni, mentre il giorno successivo ci saranno le finali. Lo ski cross sarà la specialità che chiuderà questa quindicesima edizione della rassegna iridata di freestyle.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA
2
Consensi sui social