Venerdì 24 Novembre, 10:36
Utenti online: 1847
Angelo Bonorino
Angelo Bonorino

foto di www.TristanShu.com

Goretex ExperienceTour, un Camp Freeski a La Grave con i vincitori del contest europeo

Partenza del gruppo GORE-TEX Experience Tour

Nella singolare stazione sciistica di La Grave si è svolto l'evento Goretex Experience Tour con la partecipazione di Seb Michaud, Bruno Compagnet e Christophe Dumarest.  Un'iniziativa a cui hanno preso parte giovani freerider di otto nazionalità, vincitori di un contest online e la cui selezione ha coinvolto alcune tra le maggiori riviste europee del mondo della neve e del freeski. Per l'ltalia ha partecipato Neveitalia.

Dopo il lancio dello scorso dicembre, il Team di GORETEX Europa ha ricevuto decine di candidature di Freerider da tutto il continente per partecipare a questo singolare evento. I candidati hanno inviato le loro migliori foto, citando le proprie esperienze di Ski Mountaineriing e Freeride e tra gli utenti più votati sono stati scelti 6 fortunati che hanno preso parte all'evento di La Grave.   La scelta è caduta verso ragazzi e ragazze molto esperti e motivati che durante questi tre giorni ci hanno raccontato di bellissime avventure freeride in tutte le montagne europee.  GORETEX dal 2010 organizza contest di questo tipo che hanno il pregio di mettere insieme grandi atleti con appassionati sportivi e dobbiamo dire che ancora una volta l'azienda americana ha colto nel segno, riuscendo a mettere in piedi un contest prima e un evento poi che nessun partecipante potrà mai dimenticare.

Il primo giorno di GORETEX Experience Tour è stato dedicato all'arrivo dei partecipanti,  la presentazione e un'introduzione sulla neve dedicata alla sicurezza.  L'utilizzo di pala, sonda e artva è stato supportato da una prova sul campo in cui i partecipanti dovevano recuperare alcuni dispositivi di prova nascosti nella neve.  In questi casi la pratica vale senz'altro più di tutta la teoria che si può imparare; conoscere e aver provato sul campo il dispositivo che si utilizza quotidianamente durante le escurisoni può essere il punto di partenza per sciare fuoripista in sicurezza.  Le operazioni sono state supportate dalle guide di Chamonix, in particolare dalla scuola Evolution 2. www.evolution2-chamonix.com

Foto : Goretex ExperienceTour 2014 a La Grave

Il secondo e il terzo giorno spazio alle attività nel comprensorio de La Grave, sciare è la parola d'ordine! Dopo una discesa in fuoripista il gruppo si è separato in tre, ognuno ha potuto contare dei consigli di uno dei tre atleti Gore-Tex.
L'alpinista Christophe Dumarest e gli sciatori freeride Seb Michaud e Bruno Compagnet hanno accompagnato ognuo, insieme alle locali guide alpine, un gruppo di appassionati alla scoperta de La Grave
Come molti dei nostri lettori sapranno il Comprensorio di La Grave si estende dal ghiacciaio a 3600 m. fino al fondovalle di 1450 m. di altitudine, oltre 2000 metri di dislivetto.  La funivia porta gli sciatori in quota, mentre la discesa è da effettuarsi completatmente in fuori pista, non ci sono tracciati battuti, se non un centinaio di metri sul ghiacciaio.

Foto : La Grave, Freeride con Seb Michaud e Bruno Compagnet

La mattina la colazione è abbondante, si inizia con la preparazione degli sci, le pelli e con tutta l'attrezzatura per la sicurezza si parte alla volta della funivia. Alcuni gruppi scelgono di andare per pendii vergini non tracciati, impresa non facile per un comprensorio che conta centinaia di appassionati del fuoriposta! Arrivati in cima a 3500 m. serve un piccolo periodo di adattamento alla quota, ma Seb Michaud e Bruno Compagnet sanno dare consigli anche su questi aspetti.

Foto : La Grave, Freeride con Christophe Dumarest e GoreTex Experience Tour

Un gruppo si è dedicato a provare le cascate di ghiaccio, una parete a 3200 m. giusto lungo la parete dello skilift del ghiacciaio, che sembrava disegnata apposta per essere scalata.  Con l'aiuto delle guide, che hanno messo in sicurezza il tracciato, tutti gli appassionati hanno provato a egualiare le imprese di Christophe Dumarest e ad arrampicarsi sulla parete.  Nel week-end non sono mancate sessioni di scialpinismo con le pelli e alcune salite alla ricerca dei migliori canali, con ramponi e sci in spalla.

Sciare per due giorni, partecipare a un camp sicurezza sulla neve, praticare lo scialpinismo, l'arrampicata sul ghiaccio, il freeride e conoscere grandi personaggi, tutto senza mai aver fatto una pista.  Per tutti i partecipanti questa sarà un'esperienza senza prezzo, un week-end da ricordare per sempre. Un contributo alla memoria sarà senz'altro dato dai tempestivi scatti di Tristan Shu (www.TristanShu.com) e dai preziosi omaggi di GORE, una giacca GORE-TEX® Pro di Norrona e un paio di guanti GORE-TEX® con tecnologia X-TRAFIT® di Level.