Questo sito contribuisce alla audience de

Ski-Test 2021/22: i migliori sci da slalom

Volkl sl Belingheri
Info foto

Claudio Losa

Test NeveItaliabuyer's guide 2022

Ski-Test 2021/22: i migliori sci da slalom

Dopo l’assaggio di Fischer, la prima casa pubblicata per la nostra Buyer’s Guide, scopriamo subito le carte con i migliori sci da slalom della prossima stagione: austriaco, italiano, tedesco o…? Quale sarà quello con il miglior giudizio dei nostri tester?

 E’ il Völkl Racetiger SL Master lo sci da slalom preferito dai nostri tester per la prossima stagione. La casa tedesca propone una nuova versione del suo prodotto top per le curve strette, in edizione “Master”.
Negli ultimi anni gli sci di alta gamma della casa tedesca si contraddistinguono per un profilo molto centrato all’utente finale, con ampio focus sulle reali condizioni di utilizzo e questo nuovo Master non si esime. Lo sci risulta divertente ma facile, entra bene in curva, è sempre dinamico e maneggevole e riesce bene anche nelle curve medie.
E’ sempre stabile quando messo di taglio e prende subito lo spigolo, è quindi un prodotto di alta gamma per sciatori che vogliano ricercare la precisione di un race anche in campo libero. 

Il nostro test team ha poi individuato altri due prodotti nella categoria racecarver slalom da segnalare per la prossima stagione.

Il primo è un classico del catalogo Dynastar: lo Speed Master SL.
Come per l’omologo tedesco, l’obiettivo è quello di riportare le sensazioni e il concetto dello Speed Master anche nello slalom.
E’ uno sci veramente impressionante, testato nella misura 168cm è risultato maneggevole, stabile e dotato di ottimo comfort, nonostante la struttura importante. I risultati in queste due voci nella scheda dei test è schiacciante e per questi motivi (ricordando che è un prodotto derivato dal race) è insignito della “Silver medal” tra gli sci scelti dai tester.
La struttura dello sci è sempre presente, si sente dalle prime curve la reattività e la “densità” dello sci, ma nonostante questo nel campo libero asseconda il terreno e le sue asperità e rimane sempre sfruttabile, senza quelle complicazioni dei “veri” SL.  

A chiudere il trittico dei premiati è il nuovo K2 Distruption STI.
Lo abbiamo provato a Bardonecchia la scorsa stagione e ci è parso subito leggero nell’impostazione,  facile nella gestione della curva, e  molto stabile e rapido nel cambio di direzione.
Il riconoscimento di “Scelto dai Tester” per la prossima stagione viene vinto grazie alla stabilità della struttura e all’impulso nel cambio di direzione.
E’ stato provato in condizioni di neve invernale, non eccessivamente dura, e ha sbalordito tutti con la semplicità di conduzione, la facilità con cui lo si porta al limite e per la gradevolezza generale della sciata in archi corti.
Lo consigliamo quindi, a differenza degli altri due modelli, a sciatori che vogliono avere uno sci facile con cui divertirsi senza ricercare la performance estrema. 

E voi, vi ritrovate nei nostri commenti?

Gli sci testati

Volkl Racetiger SL Master
Una delle principali novità in casa Völkl per il prossimo anno è la versione “Master” del suo SL. Negli ultimi anni gli sci di alta gamma...
Dynastar Speed Omeglass Master SL R22
La casa francese Dynastar conferma anche per il prossimo anno un classico del catalogo il Dynastar Speed Master SL. L’obiettivo della casa transalpina è...
K2 Disruption STI
L’intera gamma racecarver K2 per la prossima stagione è stata completamente rinnovata con proposte molto interessanti e nella categoria racecarver SL viene...
© RIPRODUZIONE RISERVATA
44
Consensi sui social

Più letti in Materiali Aziende

Assosport: La stagione invernale per la sport industry Italiana si chiude con un bilancio decisamente positivo

Assosport: La stagione invernale per la sport industry Italiana si chiude con un bilancio decisamente positivo

Prima ancora che cominciasse, l’avevano già ribattezzata la stagione sciistica della “ripartenza” e ora che sta volgendo al termine, è finalmente possibile tracciare un primo bilancio sul suo andamento effettivo.  Da marzo 2020 e fino a tutto il 2021, l’emergenza Covid aveva di fatto azzerato ogni attività, imponendo una chiusura prolungata pesantissima per l’economia del settore. Salutato come l’anno della rinascita, il 2022 non ha deluso le aspettative e, al netto di alcune criticità, si segnala per il trend decisamente in salita rispetto agli ultimi due anni.