Questo sito contribuisce alla audience de

Dominio svedese nella staffetta maschile, si bissa l’oro ottenuto dalle donne

Dominio svedese nella staffetta maschile, si bissa l’oro ottenuto dalle donne
Info foto

Getty Images

Sci Nordico

Dominio svedese nella staffetta maschile, si bissa l’oro ottenuto dalle donne

In una staffetta dominata dal primo all’ultimo metro, Lars Nelson, Daniel Richardsson, Johan Olsson e Marcus Hellner conquistano l’oro olimpico.

In prima frazione non accade nulla per i primi due dei tre giri da 3.3 km, a parte una caduta del francese Gaillard, e una caduta dell’italiano Noeckler che coinvolge anche Jens Filbrich. Lars Nelson prova l’allungo vedendo gli avversari diretti per l’oro di Norvegia e Russia in difficoltà, con il solo Sami Jauhojaervi che riesce a rimanere a distanza ravvicinata dello svedese. Al termine della frazione ci saranno Svezia e Finlandia con un vantaggio di 10 secondi sulla Francia, e il gruppo con le altre nazioni favorite a circa 25 secondi.

Manificat riesce subito a riportarsi sulla coppia di testa, andando a formare un terzetto, che mantiene il vantaggio su Russia, Repubblica Ceca, Norvegia, Italia e Svizzera. Sforzo che verrà pagato a caro prezzo nel terzo giro della frazione, con il francese che viene raggiunto e superato da Lukas Bauer al cambio, cui arriveranno con un distacco di 17 e 23 secondi da Svezia e Finlandia. Dietro di loro Russia e Italia a 41 secondi, con una buona frazione di Giorgio di Centa, Svizzera e Germania a 55 secondi e la disastrosa Norvegia con Jespersen a un minuto e 3 secondi.

In terza frazione Sundby va a tutta da subito e va a riprendere la coppia costituita da Italia e Russia, trascinandosi dietro anche il tedesco Angerer. La gara si accende nel terzo giro, con la fuga solitaria della Svezia e la formazione dietro di un gruppo unico di inseguitori con Francia, Repubblica Ceca, Russia e Italia, con Norvegia, Finlandia e Germania che pagano lo sforzo. Recupero pazzesco di Alexander Legkov, che arriva al cambio secondo a 15 secondi dalla Svezia, appena dietro la Francia, poi Italia e Repubblica Ceca a 42 secondi con ancora chances di podio. Sundby scoppiato nell’ultimo giro arriva a un minuto e ancora peggio fa la Finlandia che passa a un minuto e 9 secondi.

Nell’ultima frazione monologo svedese con Hellner, con una tremenda controprestazione di Vylegzhanin che rischia di costare la medaglia, raggiunto dal francese Perrillat e dietro di loro a 15 e 25 secondi l’azzurro David Hofer e Petter Northug, che ancora sperano in una medaglia. Vylegzhanin che in realtà aveva conservato un po’ di energie per la volata finale, conquista l’argento a scapito della Francia. Quarta la Norvegia, quinta l’Italia con Hofer che aveva finito le energie a due terzi di frazione. Complessivamente ottimo risultato per l’Italia, per la quale le medaglie erano fuori discussione alla vigilia.

STAFFETTA 4X10 KM MASCHILE OLIMPIADI SOCHI 2014 – IL PODIO

ORO SVEZIA (Nelson, Richardsson, Olsson, Hellner) 1:28:42.0
ARGENTO RUSSIA (Japarov, Bessmertnykh, Legkov, Vylegzhanin) +27.3
BRONZO FRANCIA (Gaillard, Manificat, Duvillard, Perrilat) +31.9

La classifica completa

2
Consensi sui social

Team Event Maschile Sochi (RUS)