Domenica 18 Agosto, 17:45
Utenti online: 885
Massimo Brignolo
Massimo Brignolo

Fondo: la Norvegia domina le staffette di Beitostolen

Fondo: la Norvegia domina le staffette di Beitostolen

Doppietta norvegese nell'unica Staffetta nel programma di Coppa del Mondo prima dei Campionati Mondiali di Seefeld. Ottima impressione sia in campo femminile sia in campo maschile per la nuova Russia.

La tappa di Beitostolen della Coppa del Mondo di Sci di Fondo si è conclusa questa mattina con la disputa delle due staffette. Si inizia con la prova femminile dove, come ampiamente prevedibile, si impongono le padrone di casa. Non è scintillante il lancio di Heidi Weng che lascia una manciata di secondi alla russa Yulia Belorukova, la statunitense Sadie Bjornsen e la giapponese Masako Ishida mentre Evelina Settlin affonda il quartetto svedese consegnando il testimone con 37 secondi di ritardo. E' Therese Johaug a trascinare in prima posizione, nella seconda frazione in tecnica classica, la Norvegia costruendo un tesoretto di una decina di secondi su Russia I di Natalia Nepryaeva, la Finlandia con Matintalo e Parmakoski e Norvegia II (Svendsen - Jacobsen). 

La terza frazione condotta da Ragnhild Haga non provoca scossoni; all'ultimo passaggio di testimone Norvegia I mantiene 11 secondi di vantaggio su Russia I (terza frazionista Sedova) e Finlandia (Roponen) mentre risale Russia II (Durkina, Zherebatyeva e Istomina) che grazie al miglior tempo di frazione della istomina si aggancia al gruppetto delle inseguitrici. Il resto del mondo è già a un minuto dalla leader. Il punto esclamativo sulla vittoria norvegese lo mette Ingvild Flugstad Oestberg che innesta una marcia diversa rispetto alle avversarie e taglia il traguardo con 37 secondi di vantaggio su Russia II grazie a Elena Soboleva che si impone nello sprint per il secondo posto sulla finlandese Eveliina Pippo. Anna Nechaevskaya cade nel'ultima curva e Russia I deve accontentarsi del quarto posto, quinti gli Stati Uniti, sesta la Svezia dove Kalla, Andersson e Ingemarsdotter sono state pesantemente penalizzate dalla prima frazione di Settlin.

L'Italia chiude al nono posto, staccata 2'24"6 dalla Norvegia. Sara Pellegrini in prima frazione perde quasi subito il contatto con le rivali e chiude oltre un minuto dietro la Russia in quel momento al comando, Lucia Scardoni scala un paio di posizioni, Elisa Brocard avvicina il nono posto della Slovenia mentre Ilaria Debertolis scavalca Vesna Fabjan per il nono posto dietro Norvegia II e Germania.

 

vai ai risultati completi

 

Si risolve, invece, negli ultimi metri la battaglia tra i titani di Norvegia I e Russia I nella prova maschile. Al lancio Emil Iversen tira il collo a tutti e solo Didrik Toenseth (Norvegia II) a 8 secondi e il russo Evgeniy Belov (+16.1) riescono a limitare i danni al di sotto del mezzo minuto. La seconda frazione vive del capolavoro di Alexander Bolshunov che in classico ha il piatto forte della casa. Il russo raggiunge Martin Johnsrud Sundby e nella parte finale del giro lo distacca portando la Russia in testa a metà gara con 9 secondi di vantaggio su Norvegia I, Hans Christer Holund dà il cambio per Norvegia II a 34 secondi, il resto del plotone è oltre il minuto.

Il brillante Sjur Roethe di questo periodo riesce a chiudere il gap da Denis Spitsov ma non riesce a staccarlo e la lotta per il successo finale si risolve nell'ultima frazione in un testa a testa tra Finn Haagen Krogh e Andrey Melnichenko. I due arrivano sul rettilineo finale dove il norvegese non concede alcuna possibilità al russo. Simen Hegstad Krueger conduce tranquillamente Norvegia II in porto con la terza poszione a 53"4, quarto posto per la Svizzera di Bieler, Cologna, Livers e Furger, quinta la Francia, sesta la Germania. 

Per l'Italia arriva il decimo posto. Gli azzurri mantengono più o meno la stessa posizione per tutta la gara, già dal primo frazionista Maicol Rastelli. Il solo Dietmar Noeckler passa dodicesimo, ma a pochi secondi dai rivali immediatamente avanti, poi Mirco Bertolina riporta gli azzurri in decima posizione e Francesco De Fabiani, il più veloce dei quattro, la conserva.

 

vai ai risultati completi

© RIPRODUZIONE RISERVATA