Questo sito contribuisce alla audience de

Ispezione FIS sul Cervino, si procede a vele spiegate per lo "Speed Opening": presente anche Eliasch

Foto di Redazione
Info foto

fisi.org

Sci Alpinocoppa del mondo 2022/23

Ispezione FIS sul Cervino, si procede a vele spiegate per lo "Speed Opening": presente anche Eliasch

Il numero 1 della FIS ha voluto partecipare all'incontro che, tra martedì e mercoledì, ha definito i dettagli della grande novità per la prossima Coppa del Mondo, con le discese maschili (29-30 ottobre) e femminili (5-6 novembre) di Zermatt/Cervinia.

Si è tenuta ieri, mercoledì 18 maggio, l'ispezione estiva della FIS per lo storico appuntamento dello “Speed Opening Matterhorn-Cervinia”, già inserito nel calendario della prossima Coppa del Mondo, dopo l'apertura con i giganti di Soelden del 22-23 ottobre, con le gare di velocità maschili del 29-30 ottobre e le due discese femminili del 5 e 6 novembre.

Si procede a vele spiegate con l'inedito progetto della prima discesa trans nazionale; erano presenti all'incontro Markus Waldner, Hannes Trinkl, Peter Gerdol, Alberto Senigagliesi, Andi Kroenner e naturalmente il comitato organizzatore composto da FISI, Swiss-Ski, Cervino Spa, Zermatt Zbag, Regione Valle d'Aosta, Canton Vallese, Srg, la televisione svizzera tedesca che si occuperà della produzione televisiva e Infront per la commercializzazione dei diritti.

C'è stata anche la visita del presidente FIS, Johan Eliasch, che ha voluto seguire i lavori in prima persona. Il primo appuntamento è stato il meeting di martedì sera, quando tutte le parti si sono concentrate sugli aspetti organizzativi. Gli uomini soggiorneranno a Zermatt, mentre le donne a Cervinia. Saranno creati due villaggi, uno a Cervinia e uno a Zermatt, entrambi dotati di megaschermo sul quale saranno trasmesse le gare, che potranno quindi essere seguite contemporaneamente dai pubblici delle due località.

Didier Defago, il designer della pista, in accordo con Trinkl e Senigagliesi ha tracciato il percorso di gara e valutato che serviranno 18 km di reti B per la messa in sicurezza dei quasi 3,5 km di pista. Altro elemento da valorizzare sarà il confine fra Svizzera e Italia, a ricordare che quelle sul Cervino saranno le prime gare transfrontaliere nella storia della Coppa del Mondo. Probabilmente, il confine sarà ben visualizzato grazie ad un arco che segnerà anche un intermedio.

La parte finale del ghiacciaio e della pista sarà ricoperta da teli per salvaguardare la tenuta del manto nevoso durante l'estate, che si prevede molto calda. Nel complesso, il giudizio della FIS è stato positivo; sono ancora molti i lavori da portare a termine, ma si procede speditamente verso la prima edizione dello “Speed Opening”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
26
Consensi sui social