Lunedì 22 Luglio, 10:20
Utenti online: 415

foto di Getty Images

Elena Ilinykh e Ruslan Zhiganshin da urlo (...e da record) nel Mordovian Ornament

Elena Ilinykh e Ruslan Zhiganshin da urlo (...e da record) nel Mordovian Ornament

La seconda giornata del Mordovian Ornament, a tutti gli effetti trionfale per il movimento russo, si è conclusa con la danza libera, dominata da Elena Ilinykh e Ruslan Zhiganshin, già saldamente in testa alla gara al termine della short dance.

La coppia di stanza a Mosca ha così conquistato il primo successo in carriera in una competizione internazionale lasciando intendere di essere pronta ad effettuare l'ultimo e decisivo salto di qualità. Il punteggio complessivo raggiunto a Saransk nella prima uscita stagionale pone, infatti, gli allievi di Elena Kustarova al settimo posto nella classifica all-time e al quarto tra le coppie in attività alle spalle di Papadakis/Cizeron (184.28, W.Ch.Shanghai 2015), Weaver/Poje (182.93, W.T.T.Tokyo 2015) e Chock/Bates (181.34,W.Ch.Shanghai 2015). Tuttavia, nella stagione in corso, nessuno è riuscito a fare meglio rispetto al 176.70 raggiunto da Ilinykh/Zhiganshin.

La danza libera dal punto di vista tecnico è stata quasi perfetta. L'unica sbavatura è stata commessa da Zhiganshin nel mezzo dei twizzle, ma per il resto ciascun lift è stato eseguito con estrema velocità e le sequenze di passi in coppia, cerchio e midline, sono state improntate sulla precisione. Il nuovo programma, coreografato dall'ormai fidato Antonio Najarro sulle musiche composte da Elliot Goldenthal tratte dal film "Frida", ha ricevuto ampi consensi sia dal pubblico, che dai giudici confermando la predisposizione del binomio russo per i ritmi latineggianti emersa nella scorsa stagione. E' chiaro che riconfermarsi sui livelli di Saransk, significherebbe per Ilinyk/Zhiganshin inserisi nel discorso per le medaglie iridate.

La coppia per metà russa e per metà statunitense, ma battente bandiera israeliana, composta da Isabella Tobias e Ilia Tkachenko, ha conquistato il posto d'onore impiegando due sole gare ad abbattere la significativa soglia dei 160 punti, superata a partire dall'autunno del 2010 da sedici sole coppie. Tuttavia, rispetto al Finlandia Trophy della scorsa settimana, ugualmente chiuso in seconda posizione, c'è stata una crescita sul versante artistico accompagnata da un passo indietro sul fronte tecnico. Nella danza libera, infatti, i twizzle non sono stati al livello delle precedenti uscite e anche il curve lift ha rappresentato un problema. In ogni caso, sfondare ampiamente il muro dei cinquanta punti sulle componenti del programma alla seconda gara vera resta fatto più unico che raro.

Il podio è stato completato a sorpresa dai polacchi Natalia Kaliszek/Maksim Spodirev, capaci di sbriciolare il primato nazionale, così come i turchi Alisa Agafonava/Alper Ucar, i bielorussi Viktoria Kavialiova/Yuri Bieliaiev e i coreani Rebeka Kim/Kirill Minov, finiti nell'ordine in classifica.

A margine, va rimarcato come i punteggi siano stati decisamente superiori rispetto alla media stagionale.

 

CLASSIFICA FINALE

1) RUS - Elena ILINYKH / Ruslan ZHIGANSHIN
176.70 (1|1) primato personale
2) ISR - Isabella TOBIAS / Ilia TKACHENKO
160.98 (2|2) primato nazionale
3) POL - Natalia KALISZEK / Maksim SPODIREV
150.60 (3|3) primato nazionale
4) TUR - Alisa AGAFONOVA / Alper UCAR
145.34 (5|4) primato nazionale
5) BLR - Viktoria KAVALIOVA / Yurii BIELIAIEV
142.86 (4|6) primato nazionale
6) KOR - Rebeka KIM / Kirill MINOV
137.28 (7|5) primato nazionale
7) RUS - Ludmila SOSNITSKAIA / Pavel GOLOVISHNIKOV
134.18 (6|7) primato personale
8) GER - Katharina MULLER / Tim DIECK
119.10 (8|8)
9) KAZ - Anastasia KHROMOVA / Daryn ZHUNUSSOV
114.20 (9|9) primato nazionale
10) ISR - Kimberly BERKOVICH / Ronald ZILBERBERG
106.02 (10|10) primato personale
11) LAT - Olga JAKUSHINA / Andrey NEVSKIY
104.40 (11|11)
12) GER - Aurelia IPPOLITO / Bennet PREISS
90.42 (12|12) primato personale

© RIPRODUZIONE RISERVATA