Questo sito contribuisce alla audience de

La Svezia infrange l'incantesimo e torna sul trono d'Europa

La Svezia scaccia i fantasmi e torna sul trono d'Europa
Info foto

Getty Images

CurlingEuropei curling

La Svezia infrange l'incantesimo e torna sul trono d'Europa

Il team di Margaretha Sigfridsson ha interrotto la tradizione sfavorevole contro la Scozia, in particolare nelle finali contro la skip Eve Muirhead facendo suo il primo titolo importante a livello internazionale. Per l'avversaria, che ha gestito male i 73 minuti di tempo effettivo, si tratta della terza sconfitta negli ultimi 4 anni.

Prima o poi doveva finire la maledizione e così è stato sul ghiaccio di Stavanger. Sigfridsson, nel ruolo di skip, aveva perso ben 4 partite con in palio il titolo mondiale, 1 per la rassegna iridata junior e un'altra per la corona continentale. Quando è troppo è troppo. Proprio contro la bestia nera Muirhead la nazionale svedese ha avuto la sua rivincita al termine di una duello aperto con una mano rubata da 1.

Dopo il 4-1 nel terzo le highlander hanno trovato il pareggio al sesto prima di commettere troppi errori, frutto soprattutto di una fretta eccessiva dettata da una gestione scellerata dei 73 minuti effettivi di tempo a dispozione. Nelle ultime due mani Muirhead si è trovata con poco più di 9 minuti, quasi la metà rispetto a quanti ne servono per giocare il solo decimo.

Il 10-5 finale non rende l'idea dell'equilibrio che ha caratterizzato soprattutto la parte centrale della sfida, che impedisce a Muirhead di vince da imbattuta il torneo. L'impresa è stata realizzata sola da Anette Norberg nel 2003 e 2005 (da quando gli Europei si giocano a 10 squadre).

Il bronzo è andato al collo di Mirjam Ott che ha superato 6-4 la Danimarca di Lene Nielsen. Sono 9 adesso i suoi podi a livello continentale.

2
Consensi sui social