Questo sito contribuisce alla audience de

L'Italcurling parte alla grande ai campionati del mondo di Calgary: doppia vittoria e Olimpiade più vicina

Foto di Redazione
Curlingcampionati del mondo 2021

L'Italcurling parte alla grande ai campionati del mondo di Calgary: doppia vittoria e Olimpiade più vicina

Retornaz e compagni superano Corea del Sud e Cina, ora gli azzurri attendono la Svezia.

Due su due. Dopo il successo all'esordio contro la Corea del Sud (7-1 con abbandono all'ottava mano), l'Italia maschile di curling – impegnata ai Mondiali di scena nella bolla di Calgary, in Canada - supera anche la Cina nel secondo incontro della manifestazione iridata.

Gli azzurri dell'allenatore Claudio Pescia e del direttore tecnico Ulrik Schmidt, si impongono 7-4 dopo nove end e salgono così a punteggio pieno in testa alla classifica insieme a Canada, Norvegia e Federazione russa di curling. Un passo importante per accumulare vantaggio in ottica qualificazione alla seconda fase che significherebbe, oltre all'opportunità di giocarsi le medaglie iridate, anche un pass olimpico certo in vista dei Giochi invernali di Pechino 2022 (ai quali accederanno le prime sei squadre del torneo iridato).

La squadra azzurra formata da Sebastiano Arman (second, Aeronautica Militare), Mattia Giovanella (lead, C.C. Cembra 88) autore di un gran debutto, Amos Mosaner (third, Aeronautica Militare) e Joel Retornaz (skip, Pinerolo 2006), priva di Simone Gonin a causa della recente positività al Covid e con Fabio Ribotta in panchina, si è portata in vantaggio per 2-0 già nel primo end e, dopo aver subito un punto nella seconda ripresa, ne ha firmati altri due nel terzo salendo sul 4-1. Il momento decisivo nella mano successiva, quando il team tricolore ruba addirittura l'end agli avversari e firma il 5-1. L'Italia va così in controllo e nell'ottavo vola sul 7-3 a cui fa seguito, prima del termine, soltanto un ultimo punto della nazionale cinese. Stasera, alle ore 22 italiane, la terza sfida con la Svezia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
12
Consensi sui social