Venerdì 15 Novembre, 18:23
Utenti online: 34
Alessandro Bergomi
Alessandro Bergomi
Redazione Sport

Tiril Eckhoff fa saltare il banco nella Sprint di Anterselva

Tiril Eckhoff fa saltare il banco nella Sprint di Anterselva

Prima vittoria in stagione, quinta in carriera per la ventisettenne scandinava, che sul traguardo ha preceduto di 12" la tedesca Dahlmeier e di 20" la ceca Vitkova.

La norvegese ha dato il meglio di sè sugli sci stretti, parziale nel quale ha ottenuto il secondo miglior tempo a soli 2" da Domracheva. La vera sorpresa sono stati però i due poligoni, entrambi portati a termine senza penalità e con un discreto tempo di range time. Al termine della serie in piedi il suo vantaggio era di 4" su Vitkova e di 6" su Dahlmeier, ed è poi incrementato notevolmente nell'ultimo giro. Solitamente la precisione al tiro non è il punto di forza di Eckhoff che oggi, per la prima volta in stagione, ha espresso il suo reale potenziale. Prima di questa gara poteva vantare al massimo un 24° posto ottenuto nell'Inseguimento di Le Grand Bornand e non era certa della convocazione a Pyeongchang. 

Piazza d'onore per Laura Dahlmeier, perfetta al tiro e incisiva nel fondo, soprattutto nell'ultimo giro, nel quale ha scavalcato Vitkova, terza alla fine. Il distacco di 12" dalla vincitrice la pone nel ruolo di principale favorita in vista dell'Inseguimento di sabato. Per lei è il quinto podio stagionale, il 40° in carriera. Terza top 3 in questo inizio di 2018 per Vitkova, solidissima al poligono, dove ha centrato tutti e dieci i bersagli e competitiva sugli sci.

La ceca ha scalzato fuori dal podio per 2.4" Darya Domracheva, unica tra le prime sei a commettere un errore al tiro. Alle sue spalle hanno chiuso la francese Bescond 5a e la russa Yurlova 6a, entrambe senza penalità e rispettivamente a 26" e 39" da Eckhoff.

Settima posizione per Dorothea Wierer, in lotta per qualcosa di importante fino alla serie in piedi dove ha però mancato il quarto bersaglio. Il passo sugli sci è stato notevole e davvero impressionante la rapidità di tiro. Anche con lo zero la vittoria sarebbe stata improbabile ma il podio assolutamente alla portata. In ottica inseguimento il distacco dalla testa è di 40". 

Nella top 10 sono entrate anche Elisa Gasparin 8a, Hildebrand 9a, perfette al tiro e Herrmann 10a con due penalità. 17a invece Dorin Habert, precisa al tiro ma lenta sugli sci e sfortunata a causa della rottura del bastoncino in partenza. La francese ha preceduto Kuzmina, oggi fallosa al poligono con tre errori. Ancora più indietro hanno chiuso Braisaz 24a e Mäkäräinen 26a.

Buona prova anche per le altre azzurre in gara. 19° posto per Gontier che ha lottato per il podio fino al poligono in piedi, salvo poi commettere un paio di errori. 25a invece Sanfilippo con due penalità, 29a Runggaldier con lo zero, 40a Vittozzi con tre bersagli mancati. 

In testa alla classifica generale rimane Mäkäräinen con 504 punti, tallonata da Kuzmina a quota 493. E' saldamente in terza posizione Dorothea Wierer con 435 punti mentre Braisaz e Dahlmeier sono 4a e 5a con 393 e 390 lunghezze. 

Nella classifica di specialità Kuzmina è in testa con 223 punti con 46 punti di margine su Vitkova (177). Mäkäräinen è terza con 172, Wierer 4a con 167.

Le ragazze torneranno in pista sabato alle 13:15 per l'Inseguimento

© RIPRODUZIONE RISERVATA