Venerdì 15 Novembre, 20:01
Utenti online: 34
Alessandro Bergomi
Alessandro Bergomi
Redazione Sport

Dorothea Wierer conquista l’Individuale di Ruhpolding, Skardino la Coppa di specialità

Dorothea Wierer conquista lIndividuale di Ruhpoling, Skardino la Coppa di specialit

La ventisettenne di Anterselva ha ottenuto il quarto successo in carriera, diventando l’italiana più vincente di sempre. 

Le affermazioni nel format sono tre, due delle quali ottenute proprio a Ruhpolding, dove si impose anche nel 2016, come oggi davanti a Kaisa Mäkäräinen. L’azzurra è stata competitiva sugli sci e perfetta al poligono. La precisione e la velocità di esecuzione hanno fatto la differenza nei confronti della finnica che ha commesso un errore nella prima serie, ma è stata poi capace di coprire tutti i bersagli nelle restanti tre sessioni di tiro. Wierer è uscita dal quarto poligono con mezzo minuto di vantaggio e nel finale ha saputo resitere alla rimonta della rivale, giungendo sul traguardo con 12" di margine. 

A sua volta Mäkäräinen ha preceduto di una manciata di secondi Rosanna Crawford, al primo podio in carriera. La canadese, con 20 su 20 al tiro, è stata in lotta per la vittoria fino all’inizio dell’ultima tornata, salvo poi cedere nel finale e concludere a 21” dall’italiana. 

Appena fuori dal podio Yuliia Dzhima, perfetta al poligono ma non competitiva con le prime tre sugli sci. A fine gara il distacco dell’ucraina è stato di 45”. 5a posizione per la connazionale Valj Semerenko, anche lei senza penalità. Alle sue spalle hanno chiuso due bielorusse, Domracheva 6a con due errori, Skardino 7a con lo zero. Sono entrate nelle dieci anche la francese Bescond 8a con un bersaglio mancato, Kuzmina 9a con tre penalità e la lettone Bendika 10a con un solo errore. 

Gara negativa per la squadra tedesca, la cui miglior atleta è stata Hammerschmidt 13a, 17a invece Hildebrand, competitiva per il podio fino all’ultima serie ma poi fallosa nel poligono decisivo. Molto lontane Herrmann 40a e Dahlmeier 48a. Non ha invece preso il via a causa di un virus intestinale la terza della classifica generale, la giovane francese Justine Braisaz.

Buona prova per Lisa Vittozzi che ha ottenuto il miglior risultato in carriera nel format, chiudendo 18a con due errori. Zona punti sfiorata per Nicole Gontier, in crescita rispetto a Oberhof e 44a sul traguardo con quattro penalità. 88a Sanfilippo con sei bersagli mancati. 

La gara odierna è stata la seconda e ultima Individuale femminile della Coppa del Mondo 2017-18, pertanto è stata assegnata la coppa di specialità. Il trofeo è andato a Nadezhda Skardino, vincitrice della 15 Km di Östersund e tiratrice più precisa del circuito. Con 96 punti la bielorussa ha preceduto Dzhima di cinque lunghezze. 

Dopo la gara odierna Kuzmina resta leader della classifica generale con 454 punti, Mäkäräinen è seconda con 429. Sale al terzo posto Dorothea Wierer (378) che scavalca Braisaz (368). 

RIPRODUZIONE RISERVATA