Questo sito contribuisce alla audience de

Johannes Boe firma il bis nella seconda Sprint di Oberhof: per Hofer fatale il doppio errore in piedi

Foto di Redazione
Info foto

getty images (getty images (Ph

Biathloncoppa del mondo biathlon

Johannes Boe firma il bis nella seconda Sprint di Oberhof: per Hofer fatale il doppio errore in piedi

Il leader di Coppa del Mondo ritrova lo zero e batte il connazionale Laegreid e Peiffer, il miglior azzurro chiude sesto con tanti rimpianti...

Johannes Thingnes Boe è tornato... infallibile. Il fuoriclasse norvegese ottiene la vittoria n° 51, la terza in questa Coppa del Mondo, pur soffrendo sugli sci ma ritrovando lo zero al poligono che risulterà decisivo al leader della generale per respingere il solito Sturla Laegreid, secondo a 12”4 per un'altra doppietta in quel di Oberhof, con Arnd Peiffer a completare il podio con 27”9 di distacco (anche il tedesco senza errori al poligono)

Dopo aver vinto la Sprint della scorsa settimana nella prima delle due tappe nella località tedesca, Boe ha firmato il bis cinque giorni più tardi, nella giornata dei rimpianti per Lukas Hofer. Sì, perchè l'altoatesino chiude sesto, a 40”7 dal vincitore e preceduto da Lesser, quarto (altro zero al poligono), e Dale, quinto con un errore, fallendo due bersagli al poligono in piedi quando lottava per il primo posto con lo stesso Boe, dal quale alla fine ha pagato solo 4 secondi sugli sci, firmando il secondo crono.

Dopo il 4° e il 5° posto della scorsa settimana nel primo appuntamento in Turingia, per Lukas le prestazioni ormai parlano chiaro, ragionando già anche in ottica Mondiali di Pokljuka. In casa Italia arriva la qualificazione alla mass start di domenica anche per Dominik Windisch, 22° a 1'29” con un errore sia in piedi che a terra, ma sono quattro gli azzurri oggi a punti: Thomas Bormolini chiude infatti 35° (+ 1”56) con gli stessi errori del compagno di squadra iridato e Tommaso Giacomel (1+1 anche in questo caso) è 38° a 2'04”, con l'ultimo bersaglio mancato che costa al ventenne trentino la qualificazione alla mass. Decisamente lontano, invece, Didier Bionaz che commette un paio di errori per poligono e chiuderà 80esimo.

Giovedì seconda gara di questa nuova tappa con la Sprint femminile, al via alle ore 14.30: Dorothea Wierer si giocherà tanto per provare a riaprire il discorso Coppa del Mondo cercando di recuperare terreno rispetto alle scatenate Roeiseland e Eckhoff.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
52
Consensi sui social