Sabato 20 Ottobre, 17:06
Utenti online: 949
Alessandro Genuzio
Alessandro Genuzio

foto di See Tignes

Inaugurata a Tignes la funivia a cielo aperto più grande del mondo

Inaugurata a Tignes la funivia a cielo aperto più grande del mondo

Una funivia che permette di ammirare a cielo aperto il fantastico panorama delle alpi francesi ad oltre 3000 metri di quota, è questa la grande novità per l'inverno 2018-2019 di Tignes nota località che fa parte del comprensorio Espace Killy.

Il nuovissimo impianto inaugurato venerdì scorso, consentirà di risalire in soli 5 minuti il ghiacciaio Grand Motte partendo dai 3034 metri della stazione a valle e arrivando fino a quota 3456 metri dove è situato il ristorante.

La grande caratteristica di questa funivia è quella di essere dotata di due cabine che permettono ai turisti di accedere ad una terrazza panoramica posizionata sul tetto della struttura, che darà la possibilità di vivere un'esperienza unica nel suo genere, quella di poter ammirare baciati dal sole e cullati dal vento, le vette più alte del parco naturale della Vanoise.   

Per ragioni di sicurezza la terrazza panoramica verrà chiusa durante i mesi invernali (i forti venti e le abbondanti nevicate renderebbero pericoloso il viaggio dei turisti n.d.r.) ma il nuovo impianto di risalita che ha una capacità oraria di 1000 persone per ora e che è andato a sostituire quello precedente, verrà comunque utilizzato per permettere agli sciatori di risalire il ghiacciaio. 

Le speciali cabine progettate dall'azienda svizzera Garaventa sono state studiate per consentire la risalita di 100 persone alla volta, mentre l'accesso alla terrazza panoramica è limitato a sole 20 persone. La nuova funivia è inoltre dotata di eccezionali sistemi di sicurezza mai sperimentati in precedenza.

Ma le novità per la stagione 2018-2019 di Tignes non si sono fermate qui. Seguendo un piano triennale di investimenti per lo sviluppo dell'attività turistica sono stati effettuati alcuni interventi di riammodernamento della stazione di partenza della funicolare della Val Claret che ora ha assunto un aspetto decisamente più accattivante

© RIPRODUZIONE RISERVATA