Questo sito contribuisce alla audience de

Pontechianale Valle Varaita

Campagna Pontechianale
Piemonte

Pontechianale Valle Varaita

Racchiusa dalla Val Maira a sud, dalla Valle Po a Nord e dalla Valle del Guil a ovest e sovrastata dall'imponente gruppo del Monviso, La valle Varaita propone un piccolo comprensorio sciistico formato da 20 Km di piste da discesa e circa 5 Km di piste per lo sci nordico.
Il comprensorio è caratterizzato dalle stazioni di Pontechianale, Bellino, Casteldelfino, Sampeyre e Valmala, con piste varie e presenti anche al disopra della linea del bosco. Le piste di discesa di Pontechianale, a 2400 metri di quota, sono abbastanza impegnative, mentre quelle di Bellino e Sampeyre sono più adatte ai principianti e agli sciatori di livello medio. 
E' tuttavia durante l'estate che la valle risquote il maggior successo da parte dei turisti, soprattutto della provincia di Cuneo.  Molto frequestato nella bella stagione è il lago artificiale di Castello, una frazione di Pontechianale dove è anche possibile raticare il windsurf.   Il gruppo del Monviso è raggiungibile seguendo numerosi percorsi escursionistici adatti ai più e ai meno esperti.   Nei valloni limitrofi è possibile trovare alcune pareti per l'arrampicata, presso l'anfiteatro di Castello ed il Martinet, nel Vallone di Chianale.

Pontechianale è posto a 1614 m di altitudine ed è l'ultimo comuni della Valle Varaita prima del confine Francese.  E' costituito da alcuni centri e numerosi nuclei, disposti a monte e a valle del lago artificiale di Castello.
Dominio dei Vescovi di Torino, durante il XII secolo era feudo dei Signori di Pont. Fu poi unito a Casteldelfino e a Brossasco, dei quali seguì le sorti.  Nel 1190 pervenne ai Marchesi di Saluzzo e loro rimase fino all'assorbimento di quelle terre da parte dei Savoia. Nella prima metà del XVIII secolo fu teatro di scontri tra truppe sabaude e franco-spagnole.
A Chianale, piccolo gioiello dell'alta valle, la chiesetta di S. Antonio, di origine romanica e in seguito rifatta, ha la facciata ornata di stucchi e pitture ottocentesche e un campanile di costruzione più recente.
Pontechianale è centro di villeggiatura estiva e di sport invernali, con buone attrezzature turistiche e sportive. Le altre risorse provengono dall'allevamento del bestiame, dalla silvicoltura e dall'agricoltura.
In occasione delle feste patronali si possono ammirare uomini, donne e bambini in costume tradizionale.
Particolarmente interessante è l'abbigliamento femminile la cui foggia cambia dalla Castellata e Sampeyre. L'abito infatti in alta valle è di panno di lana, nero - anche quello nuziale - con tre grandi pieghe sul dorso e diritto, senza alcun restringimento a vita. È adornato da un grembiule e uno scialle, di cotone o lana, di seta per le spose, ma comunque dai colori piuttosto vivaci. Preziosa è anche la cuffia (la béro), la cui tesa è costituita da un largo pizzo al tombolo, realizzato a volte con centinaia di fuselli.
Le feste patronali in cui vengono sfoggiati i costumi hanno sempre una parte religiosa con la S. Messa, la Processione con i costumi e l'incanto, asta pubblica il cui ricavato è devoluto alle cappelle, e una parte laica che prevede intrattenimenti vari, giochi e l'immancabile ballo serale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
13
Consensi sui social

13

Consensi sui social
Piemonte: Tutte le notizie
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime news di Pontechianale

Piemonte

Pontechianale, al via la sostituzione dello skilift Pineta Nord

Rino Galeno, Mercoledì 10 Ottobre 2012
Piemonte

Il Monviso, re di Pietra

Marco Caparello, Mercoledì 5 Agosto 2009