Questo sito contribuisce alla audience de

Artavaggio, rifugisti ed esercenti favorevoli alla realizzazione della nuova seggiovia

Artavaggio, rifugisti ed esercenti favorevoli alla realizzazione della nuova seggiovia
Info foto

pg fb Piani di Artavaggio

LombardiaATTUALITÁ

Artavaggio, rifugisti ed esercenti favorevoli alla realizzazione della nuova seggiovia

Gli abitanti, i rifugisti e gli esercenti di Artavaggio rispondono con un comunicato al "no" degli ambientalisti sulla realizzazione della nuova seggiovia.

Il “Patto Territoriale per lo Sviluppo integrato delle aree montane e dei comprensori sciistici ed escursionistici di Piani di Bobbio-Valtorta e di Piani di Artavaggio”, per cui Regione Lombardia mette a disposizione 11 milioni di euro, prevede tra i vari interventi  una nuova seggiovia ai Piani di Artavaggio  a servizio del campo scuola e in sostituzione dei tapis roulant attualmente presenti.

La notizia, lo scorso mese, aveva suscitato polemiche tra gli ambientalisti. Oggi gli abitanti, i rifugisti e gli esercenti di Artavaggio rispondono con un comunicato:

 “Dopo aver letto moltissime contestazioni su diversi giornali locali, con il comunicato ufficiale dei nostri primi cittadini abbiamo finalmente ricevuto chiarezza sui progetti di sviluppo per i Piani di Artavaggio. Ringraziamo Regione Lombardia che ha aderito al Patto territoriale e ha confermato la disponibilità a investire sul nostro territorio, portando avanti i lavori iniziati dall'Amministrazione di Moggio nel 2006 con la faticosa riapertura della funivia, la rimozione degli ski-lift e, con l'aiuto delle Amministrazioni di Cassina e di Cremeno, l'installazione di 4 tapis roulant. Si tratta di opere e interventi da noi auspicati e che aspettiamo da oltre 20 anni. Non dimentichiamo purtroppo il periodo in cui la funivia è stata chiusa e le conseguenti difficoltà economiche (e non solo) che abbiamo dovuto affrontare; dal 2001, infatti, quando la società proprietaria degli impianti decise di chiudere, al 2006, non è stato per nulla semplice 'tenere in piedi la baracca'. E a volte purtroppo, nonostante la riapertura della funivia e la passione che ci accompagna ogni giorno, questa paura e incertezza sul domani ritorna: come può Artavaggio rifiorire senza lo sci? E senza la neve programmata? Chiaramente anche Moggio ha sofferto per questa situazione e diverse attività locali negli anni hanno deciso di chiudere".

Il comunicato prosegue dicendo:

“Con l'arrivo dei finanziamenti previsti dal Patto territoriale si può finalmente guardare avanti con più fiducia, puntando sulla valorizzazione del territorio della Valsassina e sul miglioramento della qualità dei servizi offerti per il turismo. Il nuovo impianto di risalita permetterebbe di potenziare i Piani di Artavaggio, offrendo una proposta contestualizzata e non invasiva, in quanto pensata per una zona che a oggi non interferisce con attività tipiche, come i percorsi per le ciaspolate o per lo sci d'alpinismo. È sicuramente nostro interesse che il tutto venga realizzato nel pieno rispetto della natura e soprattutto della montagna, un tema molto discusso in quest'ultimo periodo e che noi viviamo in prima persona ogni giorno, cercando di fare il meglio possibile per la salvaguardia dell'ambiente. Il nostro lavoro non si ferma al semplice ristoro del turista; costantemente, infatti, ci preoccupiamo di rendere accessibili i sentieri, di sistemare scarpate e mantenere con cura i boschi. Crediamo inoltre fortemente nel potenziale della Valsassina, che da più generazioni rappresenta la nostra casa e il nostro lavoro e speriamo che questa occasione economica offerta dalla Regione, con la collaborazione della Comunità montana e della Provincia, possa aiutarci a rendere il nostro territorio ancora più 'attraente' in tutte le stagioni dell'anno. Si tratta infine di un intervento che permetterebbe di trovare nuove possibilità lavorative anche per i nostri giovani, che sempre più si stanno allontanando dalla Valsassina in cerca di un futuro più sicuro. Speriamo tanto di poter prendere questo 'treno'; negli anni tanti ne son passati ma purtroppo si sono fermati solo su altre montagne”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
44
Consensi sui social