Sabato 18 Novembre, 22:21
Utenti online: 1777
Rino Galeno
Rino Galeno

foto di Gabriel Marchionni

Piancavallo, mezzo milione di Euro per l'impianto di innevamento

Tremol

Stiamo vivendo una delle stagioni invernali più avara di neve degli ultimi 50 anni e in tutti i comprensori sciistici la paura di restare a secco neve nelle stagioni future sembra farla da padrone. La Regione Friuli Venezia Giulia ha accelerato gli investimenti stanziando 500mila Euro per assicurare l'innevamento artificiale alla stazione di Piancavallo.

Il consiglio regionale ha autorizzato PromoTurismoFVG ad effettuare un intervento di manutenzione straordinaria e di riparazione del fondale del bacino idrico artificiale di Pian delle More per un costo stimato di mezzo milione di euro. L'operazione potrebbe consentire di risolvere contemporaneamente due problemi: la carenza d'acqua in periodi di scarse precipitazioni nevose e di siccità protratta, nonché assicurare adeguate riserve per gli impianti d'innevamento di PromoTurismoFVG.

"Con questo stanziamento - ha spiegato il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello - mettiamo a disposizione di PromoTurismoFVG i fondi necessari per la realizzazione, il miglioramento funzionale e la manutenzione di opere infrastrutturali connesse al comprensorio del Piancavallo. In particolare, l'operazione consentirà di impermeabilizzare il bacino idrico di Pian delle More, potendo quindi utilizzare l'acqua stoccata al suo interno sia per l'alimentazione dell'acquedotto di Piancavallo sia anche come riserva di emergenza per l'innevamento programmato delle piste, senza correre il rischio di sottrarre preziose risorse all'approvvigionamento dell'acquedotto".

PromoTurismoFVG, Agenzia regionale nata lo scorso 1° gennaio 2016 dalla fusione di Promotur e TurismoFVG, può contare per il polo di Piancavallo su altri cinque bacini di raccolta idrica per l'innevamento artificiale delle piste, che garantiscono uno stoccaggio complessivo di circa 176.000 metri cubi d'acqua. L'accumulo avviene facendo ricorso a tecnologie e sistemi green a impatto ambientale nullo, riutilizzando in maniera spinta l'acqua piovana.

Tuttavia, in assenza di piogge, come accaduto nell'estate e nell'autunno 2015, la raccolta può non essere sufficiente per l'innevamento artificiale delle piste e il ricorso alle riserve del sistema acquedottistico del bacino di Pian delle More garantisce in quel caso la disponibilità d'acqua per i gestori sia del servizio idrico sia degli impianti sciistici.

"Quest'operazione - ha spiegato Bolzonello - permette di sistemare l'invaso affinché, fermate le perdite idriche che attualmente lo affliggono, sia possibile immagazzinarvi una quantità d'acqua utilizzabile in emergenza anche da PromoTurismoFVG per riempire i propri bacini. A fronte dell'intervento di impermeabilizzazione finanziato direttamente dalla Regione, dovrà essere poi stipulata una convenzione tra i diversi soggetti interessati per l'utilizzo e la gestione dell'impianto, limitando gli sprechi, i rischi di razionamento della fornitura idrica dell'acquedotto e di mancanza di acqua per i cannoni da neve di PromoTurismoFVG".

© RIPRODUZIONE RISERVATA