Lunedì 24 Giugno, 10:58
Utenti online: 492

foto di Marmolada S.p.A

Marmolada, inaugurata la nuova terrazza di Punta Rocca a 3265m.

Terrazza panoramica di Punta Rocca in Marmolada

Grande spettacolo aereo sabato 16 luglio in Marmolada in occasione dell'inaugurazione ufficiale della Nuova terrazza di Punta Rocca.  La terrazza panoramica diventa il punto panoramico di facile accesso più alto delle Dolomiti, da cui si dominano tutte le vette più belle e famose.

Con i suoi 3265 m di altitudine la terrazza è diventata il punto panoramico più alto delle Dolomiti, facilmente accessibile (grazie alla funivia e all’ascensore) da tutti comprese le persone diversamente abili.  Ha superato in altitudine il Sass Pordoi (2.950 m), la funivia del Lagazuoi (che con i suoi 2.778 metri offre un panorama unico sulle dolomiti), la Tofana (la cui funivia supera di poco i 3000 metri).

“La funivia e l’ascensore abbattono ogni barriera architettonica – spiega Mario Vascellari Presidente della Società Marmolada S.p.A.-. La terrazza diventa facilmente raggiungibile da tutti.  Non ci sono scalini.  Si sale comodamente grazie alla funivia della Marmolada, confortevole e veloce, che in circa 15 minuti consente di raggiungere la cima”.

L’inaugurazione era partita nel migliore dei modi con le prime ore della giornata baciate dal sole, ma si sa in alta montagna al tempo non si comanda e così le nuvole che si sono addensate in quota in tarda mattinata hanno impedito il regolare svolgimento dello spettacolo aereo acrobatico che avrebbe dovuto compiersi nei cieli sopra la Marmolada.
I piloti della AIPM Associazione Italiana Piloti di Montagna, tutti abilitati al volo e all’atterraggio in alta montagna, composta da appassionati di volo e ex piloti militari di grande esperienza erano pronti a dare spettacolo. Avevano già raggiunto i cieli della Val belluna, ma dopo alcuni tentativi, per motivi di sicurezza hanno dovuto rientrare all'aeroporto di Mattarello(TN) senza effettuare il passaggio tricolore nei cieli della Regina.

All’inaugurazione ha partecipato anche il Governatore della Regione Veneto, Renato Zaia, oltre alle altre numerose autorità Bellunesi e Trentine.