Lunedì 20 Novembre, 1:20
Utenti online: 539
Michela Caré
Michela Caré
Giornalista

Livigno, il 20 ottobre apre la pista di fondo

 Pista di fondo allestita a ottobre 2015

Aprirà il 20 ottobre, a Livigno, l’anello per lo sci di fondo a 1816 metri d’altezza grazie allo snowfarming, ovvero  lo stoccaggio della neve invernale durante il periodo estivo mediante l’utilizzo di segatura e di un telo geotermico che riflette i raggi solari permettendo  il mantenimento della temperatura.

Già ad aprile erano stati messi al riparo 5800 mq di neve di cui ne erano rimasti circa 3100. Di questi, 1200 mq sono stati utilizzati ad agosto per allestire nelle vie del centro la pista del Trofeo delle Contrade a cui hanno preso parte anche le Nazionali italiane di fondo e biathlon con Dorothea Wierer e Federico Pellegrino, e che servirà per la preparazione di 1 km di pista di sci di fondo nella piana centrale.

Per realizzare l'anello per lo sci di fondo verranno utilizzati invece circa 2500/2700 mq di neve.

Nonostante il mucchio di neve dello snowfarmig sia stato posizionato in un un luogo solivo nella piana centrale del paese dove si snoda la pista di fondo (per eliminare il consumo di carburante necessario allo spostamento), si è conservato più del 50% del manto nevoso iniziale" ha detto Luca Moretti, presidente di APT Livigno.

Foto : Pista di fondo

Il primo evento sportivo della stagione si terrà il 3 dicembre con la Sgambeda a cui prenderanno parte migliaia di fondisti. Per iscriversi c’è tempo fino al 27 novembre collegandosi sul sito www.lasgambeda.it

Per coloro che parteciperanno all'evento è stato approntato  un pacchetto soggiorno valido nel periodo dal 26 novembre al 4 dicembre 2016, che prevede l’alloggio in hotel o in appartamento, l’iscrizione alla gara “Sgambeda 2016” e l'ingresso all’area “Fitness&Pool” di Aquagranda Active You.

Anche gli atleti del biathlon potranno allenarsi grazie alla nuova arena con sagome elettroniche di ultima generazione, ideali per la preparazione in vista delle gare. L’interesse di Livigno nei confronti del biathlon, deriva anche dallo stretto legame con la campionessa del mondo, Dorothea Wierer, che dallo scorso anno è diventata ufficialmente la portacolori della località valtellinese in giro per il mondo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA