A Livigno si alzano le Coppe!

Foto di Redazione
Info foto

Livigno

Lombardiala realtà

A Livigno si alzano le Coppe!

Con l'assegnazione della tappa di CdM per lo sci di fondo, la località valtellinese è sempre più protagonista a tutto tondo nel panorama mondiale della neve. E chissà che anche lo sci alpino...

Se la Fis nel 2019 avesse scelto il Piccolo Tibet e non Zürs come sede dei paralleli appena cancellati, nel difficile inverno che si avvicina, oltre all'apertura dello snowboard (3-4 dicembre) e il recupero delle sprint di fondo (21-22 gennaio), Livigno avrebbe potuto ospitare per la prima volta, nel giro di un paio di mesi, gare del massimo circuito addirittura in tre discipline diverse!

I più attenti ricorderanno che Livigno si era candidata infatti ad organizzare la nuova tappa di Coppa del Mondo tra Sölden e Levi, finita poi in Austria, a Lech. Grazie alla quota (1800 metri) diventata gioco forza favorevole, con i cambiamenti climatici in atto, non è detto che in futuro non si possa riproporre l'opportunità di entrare perfino nel grande giro dello sci alpino, magari proprio come sostituta di lusso. Presto toccherà anche alle specialità del freestyle passare per Livigno, visto che nel 2026, oltre allo snowboard caro alla testimonial di punta Michela Moioli, sarà sempre qui che si assegneranno le medaglie olimpiche di Milano Cortina.

E non bisogna dimenticare che nel progetto embrionale dei Giochi invernali italiani, il biathlon era stato collocato sempre da queste parti, prima di affidarlo ad Anterselva. Il poligono c'è, inaugurato nel dicembre del 2017, con madrina Dorothea Wierer, ex capitana del Team Livigno su cui per primo ha scommesso Luca Moretti, presidente dell'Apt. Le nazionali degli sport nordici sono di casa nel paradiso dell'altitude training, al confine con la Svizzera. Il norvegese Klaebo, ci è tornato in questo periodo per trascorrerci addirittura quattro settimane, con l'obiettivo di recuperare pienamente dall'infortunio.

Scelta che si è rivelata quanto mai azzeccata, considerato che a gennaio sarà tra i protagonisti più attesi insieme a Chicco Pellegrino per l'appuntamento di Coppa, previsto inizialmente a Milano, al CityLife. D'altronde lo scorso agosto, per la prima volta, anche sport di squadra come calcio e basket di serie A hanno scelto di spostare più in alto il loro raduno estivo, proprio nella valle livignasca. L'Aquagranda, diventata da qualche settimana ufficialmente centro di preparazione olimpica del Coni, ha accolto sia il Milan femminile che il Derthona.

Ovviamente lo sci di fondo rimane al centro della proposta livignasca, ricordando che il prossimo 18 dicembre ci sarà la grande classica del movimento per quanto riguarda le lunghe distanze, la 32esima edizione della “Sgambeda”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
76
Consensi sui social

Ultimi in Regioni

Macugnaga, con l'alluvione danni ingenti alle piste da sci tra l'Alpe Burki e Pecetto

Macugnaga, con l'alluvione danni ingenti alle piste da sci tra l'Alpe Burki e Pecetto

Colpita la parte bassa del comprensorio Burki-Belvedere, dove l'esondazione dei torrenti Anza e Roffel ha ricoperto di detriti la pista Fontanone con danni importanti anche all'impianto di innevamento programmato. Non si registrano, invece, danni agli impianti di risalita con regolare esercizio sia al Belvedere che al Monte Moro, dove in questo week-end, grazie alle abbondanti nevicate primaverili, sarà ancora possibile sciare sulla pista servita dallo skilift San Pietro.