Domenica 19 Novembre, 19:04
Utenti online: 1974
Michela Caré
Michela Caré
Giornalista

Ad Aprica la Mostra storica dello sci

Mostra storica dello sci

Si chiama Scarpù Uècc l’esposizione in progress ideata da cinque appassionati ski-attori (Elio Negri (proprietario dei materiali), Angelo Negri, Nino D'Amico, Piero Moncecchi e Mauro Ciceri) volta a mostrare ai turisti e non la storia dello sci che proprio in Aprica vede la prima stazione lombarda ad ospitare la Coppa del mondo alla fine degli anni '70.

Tra le centinaia di pezzi che i cinque amici hanno raccolto ve ne sono alcuni rari o di notevole interesse. Tra i primi, almeno il pezzo unico di sci ripiegabile da zaino datato fine 1800, lo sci senza puntale Altenhofer, un paio di sci marcati Sertorelli con i cinque cerchi olimpici, quelli marcati Ferrari e Lamborghini, gli sci dei ragazzi creati da Rolly Marchi, lo scarpone-sci, il completo sci-scarponi fatto con doghe di botti, l'attacco con aggancio automatico, gli sci donati dall'ex preparatore (aprichese) della valanga azzurra Luciano Panatti, ecc.

Tra i secondi, un paio di sci freestyle donati da Piero Troncatti, quelli da discesa libera anni '30 donati da Martino Martinotta (di Moro), quelli anni ’50 appartenuti a Don Augusto Azzalini, quelli di Claudio Clio Plona per il suo km lanciato a 178,80 orari, quelli di salto di Aldo Negri e del figlio Claudio apripista ai Campionati nazionali di DL del 1973 disputati all'Aprica, un paio di quelli portati dal Gruppo Alpini alle sfilate nazionali, quelli dei Valligiani di fondo e/o della Marcialonga appartenuti a Guido Carozzi, Arnaldo Negri, Nino Plona, Dino e Gianfranco Corvi (la squadra di fondo al completo comprendeva anche Giulio Moraschini, Alessandro Negri, Gianfranbco Carozzi, Giancarlo e Massimo Corvi). Ma ne dimentichiamo senz'altro più d'uno.

Alle pareti anche alcune foto, articoli di giornale e manifesti della Coppa Europa 1975 ad Aprica, disegnati da Amadio Bianchi, e dei Mondiali in Valtellina 1985.

 

 

Foto : Mostra storica dello sci

 

 

L'esposizione è suddivisa nelle seguenti sezioni cronologiche:

 

SCI

1900/1930. Primi sci: solo legno, senza lamine. Attacchi: ganascia in ferro, cordine in cuoio o mollettoni.

1940/1950. Sci in legno: prime scritte case costruttrici, prime lamine con viti. Attacchi: ganascia o cordina metallica, chiusura anteriore.

1960. Sci in legno plastificati sopra e sotto. Attacchi a formaggino con cordina, primi attacchi a chiusura posteriore.

1970. Primi sci in metallo e plastica, prime lamine senza viti, prime solette bianche o nere in Cofix. Attacchi in metallo a chiusura posteriore con cinturino di sicurezza in cuoio.

1980. Sci in metallo e plastica, solette in grafite. Primi attacchi in metallo e plastica con primo ski stopper.

1990. Primi sci in monoscocca lievemente sciancrati. Attacchi in metallo e plastica, prime piastre (o spessori).

2000. Carving più corto e più sciancrato: rivoluzione dello sci. Attacchi piastrati e più sicuri.

 

SCARPONI

1900/1940: in cuoio con lacci.

1940/1950: in cuoio con primi ganci.

1960/1970: primi in plastica.

1980: con gancio posteriore.

A seguire: quattro ganci in plastica.

 

È possibile visitare la Mostra storica dello sci dalle 16 alle 18 tutti i sabato e domenica fino al 25 aprile e tutti i giorni dal 7 al 14 febbraio e dal 24 al 28 marzo.

L’ingresso è gratuito.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA