Mercoledì 19 Giugno, 23:09
Utenti online: 453
Fabio Poncemi
Fabio Poncemi
Redazione Sport

Indiscrezioni confermate per il gran finale del Tour de Ski: si cambia con sprint in classico e mass start verso il Cermis

Indiscrezioni confermate per il gran finale del Tour de Ski: si cambia con sprint in classico e mass start verso il Cermis

Nel congresso FIS di Cavtat-Dubrovnik, è arrivata l'ufficialità della rivoluzione del format: in Val di Fiemme sarà spettacolo dal 3 al 5 gennaio 2020

E' un cambiamento importante, per riportare maggiore attenzione e centralità attorno al Tour de Ski.

E allora, come avevamo anticipato un paio di settimane fa (https://www.neveitalia.it/sport/scinordico/scidifondo/news/il-tour-de-ski-verso-il-cambiamento-ulvang-conferma-partenza-in-linea-verso-il-cermis-e-classifica-sprint), l'evento a cavallo di Capodanno che dovrebbe rappresentare il clou della stagione dello sci di fondo, svolta in maniera radicale soprattutto per le giornate conclusive che si vivranno in Italia.

Le due grandi novità sono l'introduzione di una sprint in tecnica classica, che si disputerà il penultimo giorno, sabato 4 gennaio 2020, e servirà soprattutto a far sì che gli specialisti non si ritirino anzitempo dalla competizione, e domenica 5 una Final Climb verso l'Alpe Cermis che non vedrà più uno start ad intervalli, bensì una mass start.

Il programma in Val di Fiemme quindi si aprirà venerdì 3 gennaio con una mass start in classico sui 10 km per le donne e di 15 km per il settore maschile; dopo la ratifica al congresso FIS in Croazia, il calendario verrà ufficializzato al meeting autunnale di Zurigo, con gli organizzatori fiemmesi che vorrebbero anticipare la sprint alla giornata di venerdì.

Sommando gli eventi per quanto riguarda combinata nordica e salto previsti la settimana successiva, avremo 12 gare di Coppa del Mondo in 11 giorni – esprime la propria soddisfazione il presidente del comitato Fiemme Ski World Cup, Bruno Felicetti – Inoltre, poter aggiungere la sprint alle due tappe del Tour de Ski, è il coronamento di un sogno poiché si va a completare una competizione che potrà portare in Val di Fiemme i migliori specialisti e il nostro Federico Pellegrino. Lavoreremo con la FIS per rendere emozionante la mass start conclusiva, ma certo si tratta di un riconoscimento delle capacità della Val di Fiemme”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA