Questo sito contribuisce alla audience de

TEST: Back protector Wed'ze

wedze protector 1
Info foto

Federico Casnati

Caschi da sci

TEST: Back protector Wed'ze

La sicurezza in pista è sempre importantissima, per i più spericolati non basta il casco ma serve anche un buon paraschiena o back protector. Oggi proviamo la proposta più economica che offre il mercato: il Wed'ze Defense Back

La protezione che oggi testiamo è in vendita nei negozi Decathlon e online, si presenta molto spartana, con la schiuma in polimero sintetico per assorbire gli urti in evidenza sulla parte esterna, mentre la parte a contatto con la schiena è di materiale semi-rigido.

È dotata di due bretelle regolabili, con laccio sul petto per non farle distanziare, con regolazione elastica. In vita troviamo una fascia elastica con velcro in modo da sistemare comodamente la protezione e regolarne l'altezza.

Se le regolazioni sono buone, la comodità della stessa non è al top, e questo per due ordini di ragioni.
Da un lato la parte rigida a contatto con la schiena nei primi minuti in cui la porta dà fastidio, una sensazione che pian piano tende a svanire, ma non del tutto. Si ha la sensazione di avere un corpo estraneo appoggiato alla schiena.
Ciò è dovuto al fatto che la protezione è realizzata con un unico pezzo e non in più parti tra loro gestibili, come le placche separate di altri prodotti: la stessa Wed'ze produce una protezione per la schiena con placche in plastica separate.
Il secondo appunto che bisogna fare a questo prodotto è che, di fatto, è impossibile utilizzarlo con pantaloni da sci senza bretelle. La protezione infatti è molto spessa a livello del bacino e non riesce ad infilarsi comodamente sotto il pantalone, anzi, tende ad uscire ad ogni piegamento. Se ciò probabilmente non è un ostacolo per gli snowboarders (dato i pantaloni molto larghi e la sciata diversa, con minore utilizzo del busto) per noi sciatori diventa veramente difficile da gestire, sempre non avendo le bretelle nel pantalone.

La traspirabilità, come in ogni paraschiena, non è al top e dopo un giorno di utilizzo, per forza di cose, si sentirà l'umido sulla parte protetta.

I lati positivi rientra sicuramente l'elevato grado di protezione che il doppio strato riesce a dare; inoltre l'utilizzo di una schiuma tendenzialmente morbida e non la plastica rigida che è usata solitamente, permette di avere un assorbimento degli urti maggiore.

In conclusione può dirsi che per meno di 30 Euro si ha una protezione valida come sicurezza, non molto come comfort, indossarlo per una giornata intera è difficile, ma per una gara, sessione in park o allenamento tra i pali può andare bene. Difficile però avere di più a un prezzo così low.

2
Consensi sui social