Questo sito contribuisce alla audience de

Lo Sci Club Alta Valtellina costretto a cancellare le gare FIS e di OPA Cup delle prossime settimane

Foto di Redazione
Info foto

Sci Club Alta Valtellina

Sci Nordicoattualità

Lo Sci Club Alta Valtellina costretto a cancellare le gare FIS e di OPA Cup delle prossime settimane

Due appuntamenti classici del fondo cancellati a causa della situazione pandemica. Gran fondo della Val Casies confermata il 20 febbraio 2021.

Lo Sci Club Alta Valtellina da sempre supporta e incentiva la buona pratica dello sport, della passione e dell'amore per le discipline invernali (biatlhon, fondo, skialp). Con grande impegno e passione da più di 50 anni, lavora e crede in tutto ciò, grazie alla passione dei volontari, al lavoro degli allenatori e tecnici e all'impegno per il mondo neve di bambini e ragazzi. Considerata la situazione attuale e al continuo evolversi dell'emergenza Covid-19, nonché le disposizioni del DPCM del 4 novembre 2020, d'intesa con le Istituzioni locali coinvolte, il Consiglio dello Sci Club Alta Valtellina ha comunicato che le gare originariamente previste il 28 e 29 novembre a Santa Caterina Valfurva e dal 18 al 20 dicembre a Valdidentro non avranno luogo.

Seppure la volontà e l'impegno nel trovare e cercare strategie nuove, la decisione è stata presa nella consapevolezza che non sussistono le condizioni ambientali e sanitarie tali da permettere il normale svolgimento del “Trofeo Dante Canclini”, gara FIS a Santa Caterina Valfurva e della OPA Cup prevista a Valdidentro, in totale sicurezza sia per gli atleti che per il personale coinvolto nella organizzazione degli stessi. Con l'augurio che l'emergenza pandemica possa permettere in futuro una riorganizzazione degli eventi, nell'ottica di una sempre fattiva e perdurante collaborazione con la FISI.

Confermata, almeno per ora, la 38esima edizione della Gran Fondo Val Casies, prevista il 20 febbraio 2021. L'attuale questione principale è la messa a punto di una “versione coronavirus”, in stretta collaborazione con le autorità preposte, che dovrebbe essere pronta entro la fine di dicembre. Poiché lo sci di fondo è uno sport all'aria aperta che non prevede contatti, non dovrebbe essere difficile approntare una diversa modalità di svolgimento, il cui scopo primario è naturalmente la tutela della salute di partecipanti e collaboratori.

Qualora dovessero presentarsi dei problemi, il 20 gennaio (un mese prima della data della gara) gli organizzatori provvederebbero ad annullare l'evento, lasciando agli iscritti la possibilità di decidere se accreditare la quota di partecipazione versata per l'edizione 2022 o richiedere la restituzione dell'intero importo. Nel corso dell'estate si è lavorato intensamente, soprattutto al fine di consolidare le basi finanziarie per questo grande evento. Il comitato organizzativo è lieto del fatto che, nonostante la pandemia, tutti gli sponsor continuino a supportare la manifestazione senza ridurre di un euro i propri contributi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
24
Consensi sui social