Questo sito contribuisce alla audience de

Dominio di Ola Vigen Hattestad nella rocambolesca finale olimpica della sprint maschile

Dominio di Ola Vigen Hattestad nella rocambolesca finale olimpica della sprint maschile
Info foto

Getty Images

Sci Nordico

Dominio di Ola Vigen Hattestad nella rocambolesca finale olimpica della sprint maschile

Hattestad vince senza storia tutti i turni e meritatamente si aggiudica l’oro olimpico, bronzo rocambolesco per lo svedese Emil Joensson.

Hattestad entra nella storia riuscendo ad essere l’unico al mondo, dopo Tor Arne Hetland, ad aver vinto oltre mondiali e classifica di coppa del mondo di specialità, anche l’oro olimpico della sprint, stando in testa dal primo all’ultimo metro dalla qualificazione alla vittoria finale.

Secondo si è piazzato Teodor Peterson, che giunto alla volata finale col norvegese, aveva terminato le sue energie e si è rialzato, accontentandosi di un’ottima medaglia d’argento.

Ma dietro i primi due è successo davvero di tutto: Emil Joensson si era già staccato nelle prime fasi della finale, affaticato dai precedenti turni, ma il regalo gli è arrivato dagli altri tre finalisti posizionati davanti a lui, infatti il norvegese Gloeersen è caduto in discesa, con Marcus Hellner che per evitarlo cade anch’esso e Sergey Ustiugov che non riesce ad evitare Hellner e centra in pieno lo svedese.

In tutto questo si avvantaggia Joensson, con Hellner che prende una brutta botta, Ustiugov che ha un bastoncino rotto e Gloeersen che non riesce più a spingere. Regalo inaspettato per lo svedese, che tira fuori le ultime energie residue per mantenere il terzo posto al traguardo, prima di crollare subito dopo la linea finale.

Pasticcia Dario Cologna nei quarti di finale, cadendo due volte da solo e chiamandosi fuori dalla lotta per le medaglie, mentre esce in semifinale Petter Northug che anche oggi dimostra di non essere in forma.

Federico Pellegrino esce in semifinale, rialzandosi insieme a Northug, non avendo più energie da spendere, mentre David Hofer esce arrivando terzo ai quarti di finale, c’è da recriminare però sull’ultima curva nel quale l’italiano si è mantenuto largo e ha permesso l’inserimento dell’austriaco Tritscher davanti a lui.

SPRINT MASCHILE TECNICA LIBERA OLIMPIADI SOCHI 2014 – IL PODIO

ORO HATTESTAD Ola Vigen (NOR)
ARGENTO PETERSON Teodor (SWE)
BRONZO JOENSSON Emil (SWE) 

La classifica completa

2
Consensi sui social