Domenica 19 Maggio, 14:22
Utenti online: 1250
Alessandro Bergomi
Alessandro Bergomi
Redazione Sport

foto di 2019 Getty Images

Combinata nordica: la Norvegia vince il titolo mondiale nel Team Event

Combinata nordica: la Norvegia vince il titolo mondiale nel Team Event

Grazie a una volata regale, Jarl Magnus Riiber ha portato sul gradino più alto del podio il quartetto norge. Si è dovuta accontentare della piazza d'onore la Germania, che sul traguardo ha preceduto l'Austria.

Questa mattina nel segmento di salto Austria e Giappone hanno fatto la differenza rispetto a tutte le altre nazioni. Il quartetto di casa, trascinato da Mario Seidl e Franz-Josef Rehrl, entrambi atterrati a 111.5 m, ha infatti battuto di soli 9 decimi i nipponici. Hanno invece pagato 17" e 41" le favorite della vigilia, Norvegia e Germania. Buona prova per l'Italia, che con due ottimi salti di Kostner e Costa si è attestata in 5a piazza a 1'25" dalla vetta, salvo poi essere retrocessa in 11a piazza a 4 minuti. Samuel Costa è stato infatti squalificato per lunghezza irregolare degli sci.

Nel segmento di fondo l'Austria ha schierato in prima frazione Bernhard Gruber, che ha provato ad andare in fuga, staccando Go Yamamoto e guadagnando qualche secondo nei confronti di Espen Bjørnstad e Johannes Rydzek. In seconda e terza frazione Seidl e Rehrl non sono però riusciti a contenere la rimonta di Germania e Norvegia. Al comando della gara si è quindi formato un terzetto, con il Giappone in quarta piazza ad inseguire.

Lukas Klapfer, Vinzenz Geiger e Jarl Magnus Riiber si sono giocati le medaglie nei 5 km conclusivi. Nessuno dei tre ha però avuto il coraggio di attaccare ed è prevalso il tatticismo. Tutto si è quindi deciso in volata, dove Riiber è stato ancora una volta regale e  non ha lasciato scampo a Vinzenz Geiger, secondo sul traguardo, e Lukas Klapfer, terzo. 

Quarta piazza per il Giappone che ha preceduto la Finlandia 5a e la Francia 6a. Con una buona prova sugli sci stretti Aaron Kostner, Raffaele Buzzi, Samuel Costa e Alessandro Pittin sono risaliti fino alla settima posizione

© RIPRODUZIONE RISERVATA