Lunedì 19 Agosto, 8:34
Utenti online: 584
Alessandro Bergomi
Alessandro Bergomi
Redazione Sport

foto di 2019 Getty Images

Combinata nordica: Jarl Magnus Riiber vince in volata il titolo iridato nella prova su Normal Hill

Combinata nordica: Jarl Magnus Riiber vince in volata il titolo iridato nella prova su Normal Hill

Il ventunenne di Oslo ha conquistato il primo oro mondiale della carriera, mettendosi alle spalle il veterano austriaco Bernhard Gruber e il giapponese Akito Watabe. 

Questa mattina, nel segmento di salto disputato sul Normal Hill di Seefeld, Riiber è atterrato a 107 m con oltre mezzo metro di vento alle spalle. Tale misura gli ha permesso di ottenere il miglior punteggio, nonostante valutazioni stilistiche piuttosto basse. La serie è stata come da previsioni molto equilibrata, tanto che otto atleti hanno chiuso a meno di mezzo minuto dal leader provvisorio.

In seconda piazza si è attestato un altro norvegese, Espen Bjoernstad, che con un salto di 105 m ha pagato un distacco di 6", precedendo di un inezia Franz-Josef Rehrl (+0:07). Sono rimasti a contatto con la testa anche il polacco Szczepan Kupczak, Akito Watabe, Terence Weber, Go Yamamoto e Bernhard Gruber. Tra essi, in quinta piazza, si è inserito Samuel Costa, capace di atterrare a 99.5 m nonostante il forte vento alle spalle e vittima di una caduta rovinosa, fortunatamente senza gravi conseguenze

Riiber ha poi approcciato la frazione di fondo a tutta, per tenere a distanza i più immediati inseguitori, che infatti non hanno saputo tenere il suo ritmo e sono stati ripresi nel corso dei 10 km da atleti più competitivi sugli sci stretti. Watabe e Gruber, partiti con una ventina di secondi da recuperare al battistrada, si sono messi a caccia fin dalle battute iniziali. Dopo aver raggiunto e superato Bjoernstad e Rehrl, nel corso del terzo giro hanno riagganciato la testa della gara

Nel giro conclusivo sia l'austriaco che il giapponese hanno provato a giocare d'anticipo ma alla fine tutto si è risolto in volata, vinta da Jarl Magnus Riiber, che negli ultimi tempi ha fatto dello sprint una specialità della casa. Il norvegese si è così messo al collo il primo oro iridato della carriera, riportando il titolo mondiale in patria dopo diciotto anni. Piazza d'onore invece per il veterano Bernhard Gruber, capace di sopravanzare nel finale l'eterno piazzato Akito Watabe

Sono finiti ai piedi del podio Franz-Josef Rehrl 4° e Ilkka Herola 5°, in rimonta dalla 24a posizione e autore del miglior tempo di frazione. Alle spalle del finlandese si sono attestati Espen Bjoernstad 6°, Mario Seidl 7° e il primo dei tedeschi Johannes Rydzek 8°

E'scivolato in 12a posizione Samuel Costa, che ha chiuso appena davanti ad Alessandro Pittin. Sono entrati tra i primi trenta anche Aaron Kostner 24° e Raffaele Buzzi 27°

© RIPRODUZIONE RISERVATA